1mattonexcasaastra

Un mattone per Casa Astra

Di Redazione, 04.04.13 SocialMente

Intervista a Maria Invernizzi Piccioni

- Segretaria del Movimento dei Senza Voce (MdSV)  e collaboratrice/terapista di Casa Astra -

«… che facciamo ?… li prendiamo dalla strada per poi ributtarli in strada…?»

Da una ricerca commissionata dal Cantone risalente al 2006, risultavano 800 senza tetto. Il fenomeno della povertà, sempre più in crescita, viene riconfermato dalla cronaca attuale: in Svizzera il 7.8% della popolazione vive sotto la soglia di povertà (UST, 2010). Sono prevalentemente le persone sole a vivere situazioni di emarginazione e solitudine. Le persone che necessitano un alloggio di emergenza in Ticino vengono spesso collocate in hotel e pensioni, in attesa  che le loro situazioni si risolvano ma senza la possibilità di una presa a carico continuata.

Il Movimento dei Senza Voce ha cercato di dare una risposta concreta a questo fenomeno nascosto e spesso sottovalutato che vede oggigiorno sempre più persone rivolgersi a loro: una prima risposta viene data nel 2004 con l’apertura ufficiale della struttura di prima accoglienza Casa Astra.
“La struttura - dice Maria - offre un  alloggio temporaneo destinato a persone che stanno vivendo delle situazioni di disagio economico e sociale: al momento abbiamo una disponibilità di dodici posti letto suddivisi in tre stanze. Accogliamo persone che possono trovarsi in un momento della vita particolarmente difficile e non trovano un sostegno adeguato o accesso a strutture idonee. Casa Astra, inserendosi in alcune zone grigie esistenti nella rete sociale del nostro Cantone, cerca di dare un supporto e l’accompagnamento necessario per ricominciare a vivere dignitosamente. In particolare diamo l’accoglienza d’urgenza che comprende i bisogni primari: un letto, dei pasti caldi, la possibilità di lavarsi, accompagnamento per urgenze mediche, l’ascolto e l’attivazione dei servizi sul territorio che meglio rispondono alle esigenze delle persone.”

La campagna di raccolta fondi denominata "1mattoneXCasaAstra” è partita un anno fa: promossa dall’Associazione Movimento dei Senza Voce ha come obiettivo finale l’acquisto di una nuova struttura, situata a Mendrisio, che ospiterà il centro di accoglienza Casa Astra. Per realizzarla servono almeno 600'000 franchi; la generosità è finora stata grande ma molto è ancora da fare per raggiungere l’obiettivo.

“L’iniziativa - racconta - nasce dall’esigenza di ingrandire la struttura, raddoppiando i posti letto e destinandoli anche ad una utenza femminile, che al momento non è possibile ospitare. Questo nuovo centro permetterà inoltre agli utenti di adoperarsi in nuovi atelier e varie attività interne o rivolte al pubblico, avvalendosi delle competenze e mettendo in risalto le risorse di ognuno.”

L’impegno per la campagna di sensibilizzazione e di raccolta fondi  1mattonexCasaAstra continua con bancarelle, catering ed altre attività nelle diverse piazze del Cantone. “Questo ci permetterà - conclude Maria - di farci conoscere ulteriormente ad un pubblico che fino ad ora si è mostrato generoso e disponibile nell’aiutarci concretamente a realizzare il nostro progetto e nella speranza che continui a farlo.”

 

Potrete incontrarli sabato 4 maggio 2013 alla Fiera del riciclaggio a Mendrisio. Casa Astra sarà presente con una bancarella informativa e si occuperà della preparazione del pranzo per tutti i partecipanti dell'evento.

Foto © AntoniaLepori


:-P


Scritti: 6 articoli