Immagine

Cattedrale di S. Lorenzo

Di Archivio Storico, 19.01.16 Lugano lo sai che

Lugano, Via Cattedrale

La chiesa, menzionata fin dal IX secolo, fu dapprima collegiata e dal 1888 cattedrale. La struttura originaria romanica (con abside semicircolare a oriente), della quale si conservano alcuni pilastri e strutture murarie incorporati nell’odierno edificio e il tronco del campanile fino all’orologio, fu trasformata ancora in epoca gotica. L'aspetto attuale è il risultato di un importante intervento di restauro e rinnovo realizzato all'inizio del Novecento dall'architetto Augusto Guidini, nell'ambito del quale è stata eseguita anche la decorazione pittorica (1908-1910) in stile eclettico ad opera di Ernesto Rusca di Rancate.

La chiesa è famosa per la splendida facciata rinascimentale, iniziata nel 1517 e terminata verso la fine del XVI secolo. All’interno sono notevoli: gli affreschi medievali (XII-XV secolo), gli arditi squarci prospettici sulle pareti e la volta del coro, e la Gloria di S. Lorenzo (1764), realizzati dai fratelli luganesi Giuseppe Antonio Maria (1710-1808) e Giovanni Antonio (1719-post quem 1811) Torricelli; il maestoso altare maggiore (1698) eseguito su disegno di Andrea Biffi (1685-98) con le statue dei SS. Lorenzo e Stefano di Francesco Pozzi (1705); il prezioso tabernacolo murale lapideo (seconda metà XV secolo; a destra del coro), con i SS. Lorenzo e Stefano, adibito forse già nel tardo Cinquecento a custodia per gli Oli Santi; il frontale d'organo eseguito in finissima tecnica d'intaglio (terzo quarto XVI secolo; a sinistra del coro).

Architettura, pittura e scultura si fondono perfettamente nella sfarzosa cappella votiva della Madonna delle Grazie, progettata (1771-1774) dall’architetto Gianbattista Casasopra di Gentilino, con la pala della Madonna in gloria e i SS. Lorenzo e Rocco (1632) di Giovanni Battista Carloni di Rovio, le otto splendide statue in stucco raffiguranti le Beatitudini, attribuite al comasco Stefano Salterio (1730-1806), e l'Assunzione della Vergine nella cupola (1774), i personaggi biblici (Re Davide, Samuele, Neemia e Salomone) nei pennacchi, le pitture murali monocrome a carattere biblico, realizzate dai fratelli Torricelli, Giuseppe Antonio pure autore della pala d’altare nella terza cappella a destra (ca. 1760-1770, SS. Pietro Martire e Vincenzo Ferreri) e Giovanni Antonio delle quadrature e delle figure allegoriche in grisaglia, nella prima cappella a destra.

L’antico «Borghetto», al lato sud della cattedrale, è la residenza del Capitolo dei canonici della Cattedrale, con più a sud l’episcopio (1937).


L'Archivio storico della Città di Lugano (ASL), costituito nel 1980, ha il compito di conservare, ordinare e valorizzare la documentazione prodotta fino al 1946 dall'autorità comunale e dalle sue istituzioni

agenda@lugano.ch
Scritti: 52 articoli