4165520694 04bafd0ce9 z

I nostri "migliori amici" non amano fumare

Di Peppo, 17.02.16 Curiosando

Che il fumo nuocesse gravemente alla salute degli uomini è un fatto risaputo ma che provocasse dei danni irreversibili ai nostri amici a quattro zampe è probabilmente meno noto. Quello che appare sui pacchetti di sigarette infatti risulta profetico: il fumo nuoce gravemente alla tua salute e a quella di chi ti sta intorno. A mettere in evidenza questa notizia è una ricerca condotta dal professor Clare Knottenbelt, oncologo presso l’Istituto di veterinaria dell’Università di Glasgow.

Tra gli animali domestici sarebbero i gatti a rischiare di più per questo vizio umano, non solo per il fumo passivo che inalano, ma anche per quello che assumono in altre modalità: «Particelle di tabacco restano intrappolate nel loro pelo - afferma il professore - e vengono ingoiate durante il rito quotidiano della pulizia da loro praticato».

Dalla ricerca emergono altri dati importanti. E’ stato messo in evidenza ad esempio che il livello di nicotina nei peli è minore se chi consuma sigarette in casa non va oltre alle 10 al giorno. Secondo la stessa ricerca ancora i cani a muso lungo, come i collie e levrieri, raddoppiano il rischio di rimanere vittime di tumori al naso se vivono in un ambiente di fumatori rispetto agli altri cani. Gli studiosi di Glasgow hanno addirittura rilevato, nei testicoli dei cani maschi castrati che vivono con fumatori, un gene marcatore delle cellule danneggiate. Questo gene è alterato in alcuni tipi di cancro del cane, ed è meno presente quando il proprietario responsabile fuma fuori di casa.



Immagine: Flickr.com - Thomas Schewe
 

Ma il tabacco ha un effetto letale anche su pappagalli e canarini. Il fumo passivo infatti è particolarmente dannoso per i volatili perché dotati di un tratto respiratorio molto sensibile e le sigarette possono causare un accumulo di fluidi e portare alla polmonite, spesso letale.

L’allarme lanciato dai ricercatori inglesi è unico nel suo genere, perché fino ad ora nessuno si era occupato degli effetti nocivi delle sigarette sugli animali da compagnia. Tutti i “pet” che hanno padroni fumatori, corrono un rischio doppio di ammalarsi di cancro. Negli anni scorsi uno studio analogo, condotto dai ricercatori dell’Henry Ford Health System, aveva rilevato che un fumatore su tre ha smesso o ha in programma di smettere proprio perché il fumo passivo fa male al suo animale domestico. L’unica soluzione sarebbe quindi smettere di fumare.

E per chi proprio non volesse rinunciare alla sigaretta, sarebbe meglio seguire dei piccoli accorgimenti, come fumare all’aperto, aerare spesso le camere e fare in modo che cicche e posaceneri siano fuori dalla portata dei nostri amici a quattro zampe.


.

agenda@lugano.ch
Scritti: 36 articoli