15851429459 765bc76e17 z

Il fenomeno della messaggistica on line

Di Peppo, 24.02.16 Curiosando

Se negli anni 90 quando ancora i cellulari non erano in commercio si comunicava attraverso il telefono fisso, che era pressoché presente in ogni casa, oggi tutti possiedono un telefono portatile che nel tempo da semplice apparecchio telefonico si è trasforamto in un vero e proprio ufficio in tasca e in un oggetto per molti indispensabile per restare in contatto con amici e parenti. 

Lo sa bene il fondatore di Facebook, Mark Zuckerberg, che ha fatto di un'idea senza dubbio innovativa, un'affare da cifre esorbitanti al pari dei pozzi di petrolio dell'Arabia Saudita. Il CEO del famoso social network ha affermato che non sa per quanto tempo ancora i telefoni e i loro numeri saranno in circolazione. La sua è una dichiarazione che lascia sgomenti ma se pensiamo a quanti di noi ad esempio utilizzano l'applicazione messagistica più famosa e diffusa al mondo, la sorpresa iniziale svanisce. 

Lo dicono i numeri e lo dice anche l'ampio ventaglio di possibilità che offre questa applicazione. Nei giorni scorsi ha fatto il giro del mondo la notizia infatti che Whatsapp ha raggiunto la quota impressionante di 1 miliardo di utenti attivi al mese. Un settimo della popolazione mondiale. Un dato che è stato ripreso anche dal World Economic Forum che ha pubblicato un articolo nel quale si analizzano le ultime tendenze che riguardano l’utilizzo di questo genere di applicazioni, ponendosi una semplice domanda: è finita l'era dei numeri di telefono? A sostegno di questa tesi, la fondazione pone l'attenzione sull'enorme successo che Whatsapp ha avuto soprattutto nei mercati emergenti: in America Latina il 66% delle persone che hanno accesso a internet ha usato l’app nell’ultimo mese. E risultati analoghi o comunque positivi si registrano in Medio Oriente e Africa (63%) e nei Paesi asiatici che si affacciano sul Pacifico (35%). Ne risulta pertanto che non si tratta di un fenomeno tutto occidentale. 


Immagine: Flickr.com - marty hadding

E da pochi mesi, attraverso l'utilizzo del wi-fi o della rete 4G, con questa applicazione è possibile fare delle chiamate. Ma Whatsapp non è solo. Questa app nel 2014 è stata acquistata da Facebook, che attarverso la sua app Messenger (un altro sistema di messaggistica online) si può scrivere ma anche mandare video, foto, soldi e anche la nostra posizione. Tutto senza digitare stringhe di numeri e prefissi. Basta essere amici, cliccare su un nome. Ecco allora che la vecchia guida telefonica sembra ormai essere stata sostituita da questi nuovi sistemi di messagistica. 


.

agenda@lugano.ch
Scritti: 36 articoli