Tetris titolo

Tetris

Di Gabriele Scanziani, 05.05.13 Classic Games

Non so voi, ma io ho davvero passato intere giornate giocando a Tetris. Penso di aver perso interi mesi di vita dietro a quei blocchi che "piovevano" sullo schermo minuscolo del mio Game Boy e devo dire che ero soddisfattissimo nel farli incastrare in modo perfetto.

Proprio per la notorietà del gioco, non parlerò molto del gameplay, che è probabilmente il più semplice che io conosca in assoluto. In pratica nel gioco le pile di blocchi più in basso spariscono una volta che il giocatore li ha incastrati, facendo abbassare il resto dei blocchi di una o più righe. Più il gioco avanza, più aumenta la velocità di caduta dei blocchi, il ché implica una maggiore difficoltà per il giocatore.



A parte il gameplay e la musica che tutti ricordano, esiste una sorta di storia ignota riguardo a questo videogioco che in pochi conoscono. Tetris, infatti, è stato soggetto a parecchie battaglie legali in materia di copyright e diritti concernenti la proprietà intellettuale. Il gioco è stato creato nel 1984 da Alexey Pajitnov, che lo ha sviluppato insieme a  su una piattaforma Elektronika 60, presso il Computer Center dell'Accademia Sovietica delle Scienze a Mosca.

Le dispute legali dipesero dalle varie versioni che seguirono lo sviluppo del gioco, una su PC IMB, un'altra per Amstad CPC e un'altra per Nintendo Gameboy, solo per citarne alcune. Le varie versioni partono da un'unica casa di software inglese, la Andromeda, che vanta il diritto di essere la prima ad aver "scoperto" e distribuito il gioco. In seguito i diritti sono stati ceduti a diverse case di produzione, troppe per citarle tutte, e infine fu il governo dell'Unione Sovietica ad accaparrarsi i diritti, che gli sono stati concessi dallo stesso Pajintov, lo sviluppatore originale.

Uno dei fattori del grande successo di questo gioco, da un punto di vista di mercato, è dovuto al fatto che nel 1989 Tetris fu distribuito come primo gioco incluso nel prezzo di qualsiasi Game Boy. Se considerate che, prima dell'avvento del Game Boy Color nel 1998, la console portatile contava oltre 64 milioni di esemplari venduti in tutto il mondo, il calcolo della fama che fu raggiunta da Tetris è presto fatto.

Al di là della grande notorietà e del successo del gioco, un altro punto di forza è dato dalla semplicità di gioco, adatto a qualsiasi tipo di giocatore. Va anche detto che, all'epoca, i giochi con una trama particolare non erano in molti e, quei pochi che esistevano, erano ben lontani dal raggiungere il successo e l'importanza che hanno oggi nel mercato dei videogiochi.
 


Giornalista non tesserato, appassionato di black music e delle sue varie sfumature. Attore, ballerino, presidente. Non sono nessuna di queste cose.

gabriele.scanziani@agendalugano.ch
Scritti: 163 articoli