Sushi cinese

Il miglior sushi di Edo

Di Antonia, 03.05.13 Curiosando

L'opinione più diffusa è che il sushi sia stato portato dai monaci buddisti tornati dalla Cina nel VII secolo. Nel Sud-Est asiatico era diffuso un particolare metodo di conservazione in cui il pesce crudo veniva disposto a strati con il sale alternato al riso e lasciato fermentare per mesi. Questo tipo di sushi si chiama narezushi, ancora oggi molto apprezzato nella zona di Tokyo. Da semplice metodo di conservazione del pesce il sushi si è trasformato in ricetta vera e propria, in particolare nella Edo (odierna Tokyo) del 1800 quando iniziarono a spuntare le prime bancarelle di haya-zushi, letteralmente “sushi veloce”. Si cominciò ad aggiungere aceto di riso per abbreviare i tempi di fermentazione e il pesce veniva marinato o cotto.

Da allora la vendita del sushi per strada diventò di uso diffuso. Un elemento curioso era la tenda bianca fissata alle bancarelle sulla quale i clienti si pulivano le mani dopo aver consumato il sushi. Un sistema infallibile per individuare il miglior rivenditore era quello di guardare la tenda: più era sporca, più il posto era frequentato e quindi, probabilmente, migliore il sushi.


=)

agenda@lugano.ch
Scritti: 72 articoli