800px world heavyweight boxing champion muhammad ali  a black muslim  attends the sect's service to hear elijah muhammad...   nara   556247

28 aprile 1967, lo storico rifiuto di Cassius Clay a combattere nella guerra del Vietnam

Di Andrea Branca, 28.04.13 Today in sports

Cassius Clay, noto come Muhammad Ali dopo la sua conversione all’Islam nel 1964, è stato uno dei pugili più devastanti di tutti i tempi e, grazie al suo fortissimo carattere anche dopo essere stato vittima della sindrome di Parkinson, è diventato una figura di culto e protagonista di diverse battaglie a sfondo sociale.

Quella che ha fatto più rumore in assoluto è avvenuta probabilmente il 28 aprile 1967, quando l’allora campione del mondo dei pesi massimi rifiutò ufficialmente di unirsi all’esercito statunitense e di combattere nella guerra del Vietnam. Cassius Clay spiegò brevemente ma chiaramente il motivo della sua decisione in un comunicato stampa, dove affermava di aver “cercato a lungo nella mia coscienza, ma è per me impossibile essere fedele alla mia religione accettando la chiamata alle armi”.

Il Governo prese atto della decisione ma non rispose con nessuna immediata presa di posizione, dato che l’arresto di Clay avrebbe richiesto diversi mesi prima di potersi concretizzare. Immediata invece la reazione delle commissioni pugilistiche statunitensi, che gli ritirarono la licenza a combattere e gli revocarono il titolo di campione del mondo.

“Incriminarlo richiederebbe almeno 30 giorni - aveva spiegato alla stampa esattamente 46 anni fa l’avvocato Morton Susman - e ci vorrebbe poi probabilmente almeno un altro anno e mezzo prima di poter mandare Cassius Clay in prigione, dato che i logici ricorsi farebbero rimbalzare il caso di tribunale in tribunale”.

La questione non venne comunque presa alla leggera dallo stesso Mohammed Ali, dato che la pena prevedeva sino ad un massimo di cinque anni di detenzione ed una multa di 10’000 dollari. Questo fu esattamente quello che capitò, visto che nel giugno dello stesso anno venne condannato proprio con i termini elencati. La Corte Suprema degli Stati Uniti revocò però il verdetto nel 1971.

Nel frattempo Ali era già tornato sul ring battendo per KO Jerry Quarry nel 1970, riconquistando poi il titolo di campione del mondo dei pesi massimi nel 1974, cintura che ha poi conservato sino al ‘78.


Appassionato di sport, tecnologie e social media, quando non lavora dietro ad un monitor passa il suo tempo nelle piste di hockey.

andrea.branca@luganonetwork.ch
Scritti: 328 articoli