Inter fans 2008%283%29

5 maggio 2002, l'Inter perde incredibilmente lo scudetto all'ultima giornata

Di Andrea Branca, 05.05.13 Today in sports

L’Inter recentemente si è tolta parecchie soddisfazioni, vincendo quattro scudetti dal 2004 al 2011 e conquistando anche la vetta dell’Europa conquistando la Champions League nel 2010. Alcuni anni prima, però, i tifosi nerazzurri hanno passato stagioni difficili, in cui hanno collezionato diverse sconfitte cocenti, la più “celebre” esattamente 11 anni orsono.

Il 5 maggio 2002, infatti, l’Inter si è vista scivolare tra le mani uno scudetto che sembrava oramai destinato ad essere cucito sul petto delle loro maglie. Ad una giornata dalla fine, infatti, i milanesi si trovavano in testa alla classifica con 69 punti, inseguiti dalla Juventus a 68 e dalla Roma a quota 67. Alla squadra allora allenata di Cuper bastava dunque superare la Lazio allo Stadio Olimpico nell’ultima giornata di Serie A, in un pomeriggio dal clima di festa considerato anche il gemellaggio in programma tra le due tifoserie.

Ben pochi dei 75’333 spettatori presenti allo stadio, però, sospettavano lontanamente cosa sarebbe successo a soli 90 minuti di gioco di distanza. La Juventus, impegnata contro l’Udinese, si era portata in doppio vantaggio già dopo 10 minuti grazie alle reti di Trezeguet e del suo capitano Del Piero, ed ha poi condotto in porto tranquillamente la vittoria nella speranza che la Lazio fermasse miracolosamente l’Inter capolista.

L’Inter, però, guardava con relativo interesse al risultato parziale dei bianconeri, dato che la squadra lombarda aveva il privilegio di avere il destino nelle proprie mani. L’inizio di partita all’Olimpico fu infatti dei migliori, con Vieri che al 12’ aveva portato in vantaggio i suoi grazie anche ad un intervento goffo del portiere Peruzzi. Pochi minuti dopo Poborsky aveva messo a segno il pareggio per la Lazio, prima che l’Inter tornasse di nuovo virtualmente campione d’Italia grazie alla rete di Di Biagio.

Sia la prima che la seconda rete nerazzurra avevano denotato una certa distrazione della difesa di casa, lasciando così sperare che la Lazio non opponesse troppa resistenza al trionfo della compagine di Cuper. Con il passare dei minuti, però, la coppia d’attacco formata da Vieri e Ronaldo ha perso efficacia, ed una lunga serie di errori di distrazione dell’Inter ha permesso alla Lazio di prendere in mano l'incontro.

Poborsky ha così trovato nuovamente il pareggio allo scadere del primo tempo, mentre Simeone al 56’ e Simone Inzaghi al 73’ hanno catapultato l’Inter in un incubo ad occhi aperti a cui erano completamente impreparati a reagire. Per i nerazzurri, oltre al danno, anche la beffa: in virtù della sconfitta e della contemporanea vittoria di Juventus e Roma, l’Inter chiuse il suo campionato addirittura al terzo posto, con i giallorossi che li scavalcarono in classifica.

L'Inter continuò così il suo digiuno di successi che, nel 2002, durava dal campionato1988/89.


Appassionato di sport, tecnologie e social media, quando non lavora dietro ad un monitor passa il suo tempo nelle piste di hockey.

andrea.branca@luganonetwork.ch
Scritti: 328 articoli