Grrr rollingstones

Rolling Stones: GRRR!

Di Gabriele Scanziani, 04.04.13 Il disco della settimana

GRRR! è la mega raccolta di Natale dei Rolling Stones, con cui il gruppo di Mick Jagger e Keith Richards celebra i 50 anni di attività nel mondo della musica. L’album è disponbile in varie versioni e formati e comprende tutti le maggiori hit degli Stones dall’inizio della loro carriera ad oggi.

Il disco di fatto è più di una semplice compilation e dà un’ottima idea della cronologia dei loro pezzi. Si parte da “Come on”, versione cantata del mitico singolo di Chuck Berry. Grazie a questo disco gli Stones vengono scoperti -o riscoperti- da una nuova generazione di appassionati. A prima vista, la tracklist sembrava più orientata verso la band degli esordi, quel gruppo di forsennati usciti dagli anni Sessanta. Ma, esaminando con più attenzione il dettaglio dei brani, si scopre come, dei 40 pezzi presenti nella raccolta, 19 canzoni arrivano dagli anni Sessanta, 10 dagli anni Settanta, quattro dagli anni Ottanta, tre dagli anni Novanta e quattro sono nate nel duemila.

La terza traccia, degna di essere menzionata è “It’s all Over Now”, canzone originariamente scritta da Bobby e Shelley Womack, voci soul degli anni Settanta. Gli Stones avevano fatto uscire il pezzo originalmente nel 1964e la loro versione è quella che ha reso la traccia famosa.

Grrr! scuote l’ascoltatore con un insieme di brani divisi per decenni: 24 brani degli anni Sessanta, 12 degli anni Settanta, sette dagli anni Ottanta, tre dagli anni Novanta e quattro anni zero. All’interno della ricca tracklist travano spazio anche gli inediti, “Gloom and doom” e “One last shot”. I due brani sono stati registrati a Parigi, figli delle sessioni di “A bigger bang” datato 2005.

Per chi ama gli Stones la speranza è che sia solo il preludio per l’uscita di un album di inediti entro il 2013, si vedrà con il tempo se il desiderio sarà soddisfatto. GRRR! è composto da ben 3 CD nella versione normale e Deluxe e addirittura 4 dischi nella versione Super Deluxe. Oltre a quelli di cui si è parlato prima, nella raccolta si trovano anche brani storici come “Jumpin’ Jack Flash”, “Ruby Tuesday” o “Angie”.

Presente anche “Honky Tonk Women”, canzone del 1969 scritta da Jagger e Richards durante un soggiorno in Brasile. Il pezzo si distingue per il tiro e le tematiche sono quelle da sempre care alla band: la sensualità femminile, l’alcol e il viaggio. Un altro classico presente nella raccolta è “Wild Horses”, ballata famosissima che ha scandito la maggiorparte delle serate romantiche di chi ama la band inglese.

L’album si presenta dunque come un’antologia da non perdere, grazie a cui poter rivivere tutti i più grandi successi dei Rolling Stones.


Giornalista non tesserato, appassionato di black music e delle sue varie sfumature. Attore, ballerino, presidente. Non sono nessuna di queste cose.

gabriele.scanziani@agendalugano.ch
Scritti: 163 articoli