Bandiera2

13 giugno 1948, il Bellinzona si laurea campione svizzero di NLA!

Di Andrea Branca, 13.06.13 Today in sports

Il calcio ticinese negli ultimi anni ha vissuto momenti esaltanti - come la promozione in Super League del Bellinzona e la finale di Coppa Svizzera giocata dai granata - ad altri decisamente più deludenti, come la ripetuta mancata promozione del Lugano ed i gravissimi problemi finanziari che hanno travolto l’ACB. La data di oggi, però, è ricordata dal mondo del pallone cantonale come una di quelle che hanno fatto la storia, visto che il 13 giugno 1948 il Bellinzona era riuscito nell’impresa di laurearsi campione svizzero di LNA!

Lo storico incontro che regalò il titolo alla squadra allenata da Eugenio Payer fu giocata in quel di La Chaux-de-Fonds, dove i capitolini si imposero con il risultato di 4-1 grazie ad una doppietta di Sormani e alle reti di Weber ed Aricci. Con i due punti conquistati (allora la vittoria non era premiata con tre) l’ACB consolidò il suo primato in testa alla graduatoria di NLA con un bottino complessivo di 38 punti (frutto di 15 vittorie, 8 pareggi e 3 sconfitte in 26 partite), uno in più del Bienne secondo.

In quel torneo di NLA del 1947/48 erano presenti altre due squadre ticinesi, ovvero il Locarno ed il Lugano, con le bianche casacche che si piazzarono al settimo rango con 25 punti, mentre i bianconeri finirono undicesimi a quota 24. Furono invece relegate in NLB il Berna ed il Cantonal Neuchâtel, che avevano terminato il campionato agli ultimi due posti.

La formazione dello storico Bellinzona campione svizzero del 1948 era la seguente: Permunian, Bianchini, Soldini, Erba, Busenhard, Caccia, Weber, Aricci, Sormani, Sartori, Ruch, Boggia. In seguito alla vittoria, Otto Scerri venne confermato come presidente della società, mentre Gerhard Lusenti sostituì Peyer nel ruolo di allenatore al termine del campionato.

L’attacco dei granata venne trascinato dal bomber Augusto Sartori, autore di 13 reti che avevano contribuito in maniera sostanziale al trionfo della squadra, questo nonostante non riuscì ad andare in gol nel match decisivo di La Chaux-de-Fonds.

In quell’annata targata 1947/48 il Bellinzona si tolse qualche soddisfazione anche in Coppa Svizzera, arrivando sino alla semifinale dopo aver eliminato in sequenza SV Höngg, Young Boys, Chiasso e Lugano. I granata vennero sconfitti 1-0 proprio dal La Chaux-de-Fonds, che finì poi per vincere la Coppa contro il Grenchen.


Appassionato di sport, tecnologie e social media, quando non lavora dietro ad un monitor passa il suo tempo nelle piste di hockey.

andrea.branca@luganonetwork.ch
Scritti: 328 articoli