Fifa.com 1

16 giugno 1954, prende il via l’unico Mondiale di calcio ospitato dalla Svizzera

Di Andrea Branca, 16.06.13 Today in sports

Qual è l’evento sportivo più importante al mondo? Sicuramente questo è un argomento su cui si potrebbe discutere, ma nella grande maggioranza dei casi probabilmente si individuerebbe nei Giochi Olimpici estivi ed invernali gli appuntamenti più importanti in assoluto. Immediatamente alle loro spalle, però, si possono collocare piuttosto tranquillamente i Mondiali di calcio, seguiti da milioni di persone in tutto il globo e che ogni 4 anni trasformano anche i meno interessati in sostenitori della propria Nazionale.

In quest’ottica, la giornata di oggi rappresenta una data storica per la Svizzera, dato che esattamente 59 anni fa - nel 1954 - è iniziato l’unico Mondiale ospitato ed organizzato dal nostro paese. Le partite si sono svolte dal 16 giugno sino al 4 luglio negli stadi di Basilea (St. Jakob Stadium), Berna (Wankdorf), Ginevra (Charmilles Stadium), Losanna (Stade Olympique de la Pontaise), Lugano (Stadio comunale Cornaredo) e Zurigo (Hardturm).

Svizzera '54 fu la quinta edizione della storia dei campionati mondiali di calcio, a cui parteciparono un totale di 16 squadre: Austria, Belgio, Brasile, Cecoslovacchia, Corea del Sud, Francia, Germania Ovest, Inghilterra, Italia, Jugoslavia, Messico, Scozia, Turchia, Ungheria, Uruguay e, naturalmente, Svizzera.

Per la prima volta in un Mondiale venne introdotto il concetto di “testa di serie”, così che le squadre considerate più forti non potessero incontrarsi ed eliminarsi a vicenda nei gironi di qualificazione. Le partite inaugurali giocate quel 16 giugno del 1954 videro incontrarsi Brasile e Messico (5-0), e Jugoslavia e Francia (1-0). La Svizzera debuttò invece davanti ai 43’000 spettatori dello stadio olimpico di Losanna il giorno dopo, quando i rossocrociati superarono per 2-1 l’Italia.

La finalissima di Svizzera '54 si giocò il 4 luglio al Wankdorf di Berna davanti a ben 60’000 spettatori. La partita vide opposte Germania Ovest ed Ungheria, che si diedero battaglia sino alla rete decisiva segnata all’84esimo da Rahn, che regalò la vittoria ai tedeschi con il risultato finale di 3-2.

L’Ungheria aveva accarezzato il sogno di diventare campione del mondo segnando immediatamente 2 reti nei primi 8 minuti di gioco grazie a Puskas e Czibord, ma Morlock e la doppietta di Rahn hanno permesso alla Germania Ovest di completare la rimonta e di vincere il loro primo titolo.


Appassionato di sport, tecnologie e social media, quando non lavora dietro ad un monitor passa il suo tempo nelle piste di hockey.

andrea.branca@luganonetwork.ch
Scritti: 328 articoli