800px regazzoni  clay im ferrari 312 p am 29.05.1971

21 giugno 1970, il luganese Clay Regazzoni fa il suo debutto in Formula 1

Di Andrea Branca, 21.06.13 Today in sports

Tra gli sportivi che hanno portato in tutto il mondo il nome della città di Lugano, indubbiamente il pilota Clay Regazzoni è stato tra i più celebri in assoluto, rendendosi protagonista di una memorabile carriera in Formula Uno alla guida delle vetture di Ferrari, BRM, Ensign, Shadow e Williams.

Dopo aver iniziato la sua avventura nel mondo dei motori facendo l’apprendistato come carrozziere presso la ditta dello zio in quel di Mendrisio, Clay Regazzoni si fece strada velocemente grazie ad un talento innato al volante, sino ad arrivare allo storico 21 giugno di 43 anni orsono. Esattamente oggi, nel 1970, Gianclaudio Giuseppe Regazzoni - questo il nome all’anagrafe - fece il suo debutto ufficiale in Formula 1, scendendo per la prima volta in pista nella massima categoria mondiale al volante della sua Ferrari.

L’occasione fu quella del Gran Premio d’Olanda del 1970 sul circuito di Zandvoorz, percorso su cui i partecipanti sfrecciarono in una giornata soleggiata per tutti gli 80 giri previsti, portando così al termine la corsa percorrendo un totale di 355,44 chilometri. Nell’ambito del campionato di Fomula 1 quella fu la quinta gara in cartellone e venne vinta dall’austriaco Jochen Rindt su Lotus-Ford Cosworth. Rindt si sarebbe poi laureato campione del mondo.

Clay Regazzoni si difese comunque egregiamente in quella sua prima gara in Formula 1, piazzandosi al quarto posto con un giro di ritardo dal vincitore. Regazzoni guadagnò così i suoi primi 3 punti in carriera che, al termine di tutte e 13 le gare previste, diventarono 33, sinonimo di terzo posto assoluto.

La vittoria, comunque, non tardò ad arrivare per il luganese, che si piazzò sul gradino più alto del podio il 6 settembre 1970, quando risultò essere il pilota più veloce di tutti al Gran Premio d’Italia corso a Monza. La gara di Regazzoni fu incredibile, soprattutto considerando che la sua Ferrari negli ultimi giri perdeva addirittura benzina.

La sua carriera continuò poi sino ad arrivare all’apice nel 1974, quando si piazzò al secondo posto generale nel campionato mondiale di Formula 1. Vinse un totale di 5 Gran Premi, salendo per ben 28 volte sul podio.


Appassionato di sport, tecnologie e social media, quando non lavora dietro ad un monitor passa il suo tempo nelle piste di hockey.

andrea.branca@luganonetwork.ch
Scritti: 328 articoli