Bundesarchiv b 145 bild p017188  berlin  olympiade  reichssportfeld  parkplatz

14 agosto 1936, il basket conquista le Olimpiadi con la prima finale della storia

Di Andrea Branca, 14.08.13 Today in sports

La pallacanestro è considerata ai giorni nostri uno degli sport più popolari al mondo. La sua vera consacrazione è avvenuta nell’estate del 1936, quando il basket è stato rinosciuto come una disciplina maggiore ed inclusa per la prima volta in un torneo olimpico.

L’occasione è stata quella dei Giochi del 1936 in Germania, con il primo campionato della storia alle Olimpiadi che si svolse proprio tra il 7 ed il 14 agosto.

In totale vi parteciparono 23 nazioni (tra cui anche la Svizzera), rendendo il torneo di basket di 77 anni fa la più grande competizione per squadre mai svoltasi sino ad allora. La federazione internazionale di pallacanestro prese inoltre la “palla al balzo” sfruttando il torneo per sperimentare l’eventualità di organizzare altre manifestazioni con partite all’aperto. Il primo campionato olimpico della disciplina, infatti, ebbe luogo completamente all’esterno, con i giocatori che si ritrovarono a palleggiare su dei campi che, originariamente, erano adibiti alla pratica del tennis.

Questa scelta andò a creare problemi facilmente immaginabili. Un chiaro esempio è stata la finalissima giocata quel 14 agosto 1936 tra Stati Uniti e Canada. L’incontro, infatti, si è svolto sotto una pioggia battente, che aveva costretto gli oltre 1’000 spettatori presenti ad assistere alla sfida in piedi e senza alcun riparo.

Le condizioni meteorologiche hanno poi condizionato pesantemente anche la qualità del gioco, mantenendo il punteggio particolarmente basso. La finale è infatti finita sullo score surreale di 19-8, con lo statunitense Joe Fortenberry che è risultato il miglior marcatore con soli 7 punti all’attivo.

I giocatori a stelle e strisce, vincitori del primo oro olimpico per la pallacanestro, furono premiati addirittura da James Naismith, l’inventore del basket!


Appassionato di sport, tecnologie e social media, quando non lavora dietro ad un monitor passa il suo tempo nelle piste di hockey.

andrea.branca@luganonetwork.ch
Scritti: 328 articoli