Carl hancock flixkr

Il mistero di Machu Picchu.. come fu costruita? Parte I

Di Elisa Spadola, 28.11.13 Curiosando

Machu Picchu, detta anche la città perduta, è una città abbandonata intrisa di mistero, perché nonostante i numerosi studi effettuati, non è stato possibile decifrarne la storia.  Il nome deriva da un’espressione quechua che significa “vecchia cima”. 

Chi l’ha costruita.. e come? E perché fu abbandonata?
L’ipotesi più accreditata sulle sue origini è quella che gli Inca iniziarono a costruirla intorno all'anno 1400, per poi abbandonarla un secolo più tardi senza alcun spiegabile motivo.
Posta a 2400 metri sul livello del mare, nella valle di Urubamba, in Perù, sorprende per la sua straordinaria magnificenza.. quasi un chilometro d'estensione, in una zona geografica magica e impervia, le sue rovine mostrano una città intatta, con fini rifiniture, circondata da mura di oltre 5 metri e con profondi dirupi che le circondavano. Una vera e propria fortezza inespugnabile!

Ma come fecero gli Inca nel 1400 a costruirla in un luogo così impervio? Il trasporto delle pesanti e voluminose pietre necessarie alla costruzione della città era troppo difficoltoso per una popolazione che non ha mai sviluppato le conoscenze sull’utilizzo della ruota, e le pietre erano così finemente levigate con tecniche che non potevano essere conosciute dalla popolazione dell'epoca.
La sorprendente perfezione delle mura tra l’altro, costruite unendo pietra su pietra, senza cemento o altro materiale incollante, ha fatto nascere vari miti: si racconta infatti che un uccello chiamato Kak`aqllu, conosceva la formula per ammorbidire le pietre, ma che per ordine  degli Dei, si strappò la lingua per non rivelarla. Si narra anche che esisteva una pianta magica che scioglieva la roccia per poterla poi plasmare e compattare.

Ma il mistero continua...

Immagine: Carl Hancock-flickr


Insegnante di Cucina e Alimentazione Naturale - "Nulla darà la possibilità di sopravvivenza sulla terra quanto l'evoluzione verso una dieta vegetariana" (A.Einstein)

elyspadola@hotmail.it
Scritti: 53 articoli