John burke flickr

La leggenda dei Troll

Di Elisa Spadola, 07.12.13 Curiosando

Nell’atmosfera fiabesca degli incantevoli boschi della Norvegia, nasce la storia dei Troll. Quando la luna è in alto nel cielo tutto può accadere, e la leggenda narra che delle strane creature, che abitano nelle foresti norvegesi, escono dai loro nascondigli solo dopo il tramonto, per ritornarci al mattino prima che sorga il sole, in quanto i raggi solari potrebbero pietrificarli.  
Essi hanno buffe sembianze, vagamente simili a quelle umane, lunghi nasi e quattro dita per mano e piede.Di natura estremamente timidi, amanti della tranquillità ed in perfetta armonia con la natura, sono di indole dolce e buona, ma la leggenda racconta che è meglio non farseli nemici.. la loro ira può non avere limiti quando non li si rispetta o non si rispetta il loro habitat.

Ma esistono davvero? I norvegesi dicono di sì... anche se non ne hanno mai documentato alcun avvistamento, e a quanto pare  i bambini  sono gli unici a poterli vedere!

Ricevere o donare una statuetta che raffigura un troll è un augurio di fortuna e protezione, ma quando un Troll entra nella sua nuova casa è meglio che la prima notte, e fino alla sera successiva, stia nascosto in un armadio per meglio potersi abituare al nuovo ambiente. Egli ne sarà riconoscente e proteggerà la sua nuova casa. Inoltre un Troll singolo si sentirà solo: sarebbe consigliato donargli la compagnia di altri Troll, e qualche carezza e due paroline affettuose sussurrate all'orecchio lo faranno sentire meno solo! Ve ne sarà grato portandovi fortuna.

Si dice che in tutte le leggende c'è sempre un fondo di verità... sta a noi decidere dove finisce la realtà e dove inizia la fantasia.

Immagine John Burke-flickr


Insegnante di Cucina e Alimentazione Naturale - "Nulla darà la possibilità di sopravvivenza sulla terra quanto l'evoluzione verso una dieta vegetariana" (A.Einstein)

elyspadola@hotmail.it
Scritti: 53 articoli