Immagine di ispazio net

Le origini dell’albero di Natale

Di Elisa Spadola, 15.12.13 Curiosando

L’abete addobbato simboleggia il Natale in tutto il mondo.. Ma quali sono le sue origini?

Il nome dell’abete bianco, o abete comune, in latino è Abies alba, che significa abete dell’alba, appunto. Unendo invece le prime due lettere dell’alfabeto greco, alfa - beta,  oppure alef - bet delle lingue semitiche, si ottiene a-bete. Entrambe le interpretazioni evidenziano dunque quanto questa parola significhi “l’inizio di tutte le cose”…  e quale albero migliore potrebbe simboleggiare il Natale, che per antonomasia è il giorno della Nascita?

L’albero di Natale rappresenta, insieme al presepe, una delle tradizioni natalizie più diffuse, ma, se del presepe è chiara l’origine cristiana, meno evidente è l’origine dell’albero di Natale. Pare però che l’usanza risalga all’antica Roma, in cui  dal 17 al 24 dicembre si festeggiavano i Saturnali in onore di Saturno, dio dell'agricoltura. Era un periodo dove si viveva in pace, ci si scambiavano doni e si facevano sontuosi banchetti. E la scelta di un abete non è un caso,  in quanto esso veniva considerato, grazie alla sua caratteristica forma a punta, un‘estensione verso il cielo e il divino, simboleggiando quindi grazia, rinnovamento e salvezza.

L'immagine dell'albero come simbolo del rinnovarsi della vita è un tradizionale tema pagano, che si perpetrò negli anni, presente sia nel mondo antico che medioevale ed in seguito fu adottato anche dal Cristianesimo, il quale celebra il Natale per festeggiare la nascita di Gesù.

Le luci che si mettono sull’albero rappresentano proprio questo: il bambino che nasce come nasce il sole... la cui luce illumina e guida  gli uomini verso la salvezza.


Insegnante di Cucina e Alimentazione Naturale - "Nulla darà la possibilità di sopravvivenza sulla terra quanto l'evoluzione verso una dieta vegetariana" (A.Einstein)

elyspadola@hotmail.it
Scritti: 53 articoli