Joe dimaggio 1951 spring training

12 novembre 1951, il leggendario Joe DiMaggio annuncia ufficialmente il ritiro

Di Andrea Branca, 12.12.13 Today in sports

Nonostante il baseball non sia sicuramente uno degli sport più in voga in Svizzera, il nome di Joe DiMaggio sicuramente fa scattare più di un ricordo in tutti noi, sia per la strepitosa carriera che lo ha visto diventare il più forte battitore di tutti i tempi, sia per le infinite vicende di cronaca rosa di cui si è reso protagonista lontano dal diamante.

Soprannominato “The Kanyee Clipper”, il californiano di origini italiane in carriera ha saputo ottenere numeri da capogiro, con oltre 2’200 battute, 361 home run ed una percentuale di riuscita alla battuta stellare del 32.5%.

È dunque facile immaginare il grande impatto che ebbe il ritiro del giocatore esattamente 62 anni or sono, il 12 novembre del 1951, quando ufficializzò quella decisione che, di fatto, il mondo del baseball si aspettava oramai da tempo. Già all’inizio del campionato, infatti, i tifosi dei New York Yankees e gli appassionati di tutto il paese erano oramai certi che il giocatore non avrebbe proseguito la sua carriera una volta terminata la stagione.

La decisione purtroppo fu in gran parte forzata, visto che i continui e seri infortuni lo costrinsero a giocare con regolarità nonostante i forti dolori. Comprensibile, dunque, come la sua ultima stagione fu piuttosto deludente in termini di risultati.

“I feel like I have reached the stage where I can no longer produce for my club, my manager, and my teammates. I had a poor year, but even if I had hit .350, this would have been my last year. I was full of aches and pains and it had become a chore for me to play. When baseball is no longer fun, it's no longer a game, and so, I've played my last game.”

Questo fu il suo “discorso” d’addio al mondo del baseball professionistico, prima di ritirarsi nella sua casa in Florida sino al giorno del suo decesso nel 1999, a causa di un cancro ai polmoni.


Appassionato di sport, tecnologie e social media, quando non lavora dietro ad un monitor passa il suo tempo nelle piste di hockey.

andrea.branca@luganonetwork.ch
Scritti: 328 articoli