Giada2 300x300

Concorsi, 23.02.15

#faigirarelacultura2015

Mancano ormai pochi giorni alla chiusura del bando #faigirarelacultura2015, il concorso ticinese destinato alle realtà culturali e sociali presenti sul territorio. 
Il bando mette in palio un intero anno di promozione attraverso i mezzi di comunicazione di #faigirarelacultura, una piattaforma multi canale pensata appositamente per questo settore. La piattaforma, nata in Ticino, vuole essere anche un punto d’incontro, dove conoscersi, scambiare idee, andare oltre gli stereotipi, per questo #faigirarelacultura si muove a cavallo del confine, raccogliendo progetti sia all’interno della Svizzera sia in Italia. La collaborazione con altre realtà attente e sensibili alle esigenze del mondo culturale permette inoltre di offrire anche dei premi speciali che possono essere in denaro, servizi, prodotti. 

Per partecipare occorre avere un progetto già in fase d’attuazione. I migliori saranno messi on line sul nostro sito, dove il pubblico potrà votarli. I progetti più votati saranno premiati con un anno di promozione gratuita attraverso tutti i canali di comunicazione di #faigirarelacultura. I premi speciali invece potranno essere aggiudicati tra tutti i partecipanti al bando senza distinzione.

Il bando è indirizzato ad associazioni, ONG, artisti, fotografi, compagnie di danza o teatro, pittori, band, ecc. residenti in Svizzera o in Italia. Si può presentare uno spettacolo, una performance, un disco, un fumetto, una mostra fotografica, un festival, un incontro a tema ecc. “da mettere in scena” nel periodo 2015/16 e che utilizzi i linguaggi della cultura o del welfare.

La data ultima per la consegna dei progetti è venerdì 27 febbraio 2015. Per informazioni e moduli di partecipazione: http://faigirarelacultura.ch/bando-di-concorso/

 

«La cultura parla, racconta storie, sussurra poesia e a volte grida denunce. La cultura è parte della vita di ognuno, è patrimonio comune, con le sue mille sfaccettature, gli infiniti linguaggi. La cultura si lega al territorio, ricorda tradizioni, ma sa volare alta oltre i confini per incontrare il mondo. Per questo chi fa cultura merita di essere sostenuto!»