Foce

Divisione Eventi, 14.09.16

La nuova stagione del Foce

L'importanza di una presenza viva dell'offerta culturale locale e di poter offrire possibilità di sviluppo a quanto nasce nel nostro territorio è stata ribadita dall'on. Roberto Badaracco, Capo dicastero Cultura, Sport ed Eventi della Città di Lugano in apertura della conferenza stampa che ha presentato la nuova stagione del Foce. 

La struttura, che accoglie nel suo piccolo un pubblico considerevole (dalle 15 alle 20 mila persone all'anno), presenta un'offerta di qualità ed è espressione delle sinergie che si attuano in una rete che coinvolge le compagnie e gli artisti del territorio. Da qualche anno si sta solidificando la collaborazione con LuganoInScena e il suo direttore artistico Carmelo Rifici, ciò ha permesso di portare al Teatro Foce alcuni spettacoli provenienti dall'estero e di portarne altri, appartenenti alla Rassegna Home, sulla grande scena del LAC. Sia iRifici, che Claudio Chiapparino, Direttore della Divisione Eventi e Congressi, hanno sottolineato l'importanza di questi scambi che permettono anche agli artisti di casa di prodursi su scene più vaste. Il desiderio di dar modo ai giovani artisti di crescere e di essere attenti a tutte le realtà presenti sarà uno degli obiettivi per i prossimi anni.

Una novità che probabilmente sarà fruibile da ottobre, è lo spazio rinnovato del foyer che dovrebbe anche offrire la possibilità di ristorazione prima e dopo gli eventi.

Oltre al Teatro abbiamo la Musica, in particolare attraverso Raclette, la rassegna del Foce che quest'anno, fra gli altri porterà Sophie Hunger, la cantautrice svizzera nominata per il Premio svizzero della musica che si terrà il 15 settembre 2016 e già vincitrice nel 2011. Alcuni concerti invece sono organizzati in collaborazione con privati, come quello dei Black Lips che si terrà stasera allo Studio Foce.

Per il Cinema, oltre al frequentatissimo Club Cult, quest'anno ci saranno anche le proposte originali di Improfilm, un'esilarante rassegna di film "da ridere" interpretati da cinque attori comici che non sanno cosa devono interpretare e ne vengono a conoscenza in tempo reale, davanti agli occhi degli spettatori.

Continuano le serate dedicate al ballo (Milonga e Alma Latina) e invece per quanto riguarda la danza contemporanea ci saranno le proposte realizzate da Filippo Armati (direttore artistico del Performa Festival) e di Luca Spadaro.

Questo a tanto altro sul programma: ottenibile presso gli sportelli della Divisione Eventi e Congressi o consultabile sul sito www.foce.ch