Sala01

Territorio, 19.09.16

Premio Möbius 2016: Meglio il voto elettronico o quello tradizionale?

Nel corso della prima giornata della ventesima edizione del Premio Möbius,

venerdì 30 settembre nella sala 1 del LAC alle 17.00

il filosofo Roberto Casati, direttore di ricerca all’Ecole normale supérieure di Parigi, spiegherà perché l’urna e la cabina elettorale sono insostituibili, se teniamo davvero ai valori della democrazia.

Ci troviamo di fronte a un dilemma: da un lato, l’esigenza di segretezza del voto (che significa protezione della libertà); dall’altro, il bisogno di certezza che il proprio voto è stato calcolato (garantendoci così la partecipazione alla vita della polis).

La tradizionale urna elettorale assicura proprio questi due aspetti, affidando al cittadino la responsabilità di svolgere tutto il processo di voto manualmente. Invece il ricorso a un sistema elettronico e on line toglie, possiamo proprio dire, “dalle mani” dell’elettore il controllo di una parte del processo. Messa in questi termini, la critica di Casati sembra diventare ineliminabile, ed è una critica che il filosofo italiano estende anche al voto per corrispondenza, ormai così radicato anche nel nostro paese.

Non resta che seguire dal vivo le argomentazioni di Casati e prendere parte a un confronto stimolante, di grande interesse e di attualità, con quanti vorranno intervenire di persona al LAC.

Ulteriori informazioni le trovate sul nuovo sito: www.moebiuslugano.ch

L'evento è gratuito e aperto al pubblico.