Immagine

Concorsi, 04.11.13

Linguissimo

Inizia oggi l’edizione 2013-2014 del concorso di lingue LINGUISSIMO promosso da Forum Helveticum. Giovani provenienti dalle quattro regioni linguistiche sono invitati a inviare entro fine febbraio 2014 un testo sul tema “L'ambiente nel 2050”. I migliori 30 parteciperanno alla finale di maggio nel Canton Vaud, dove i tre “tandem bilingui” che arriveranno primi vinceranno un viaggio in una metropoli europea.

Tedesco, francese, italiano, romancio e dialetti: la varietà delle lingue svizzere è grande, ma come promuovere la comprensione fra le varie regioni linguistiche? Forum Helveticum risponde a questa domanda fra l’altro con il concorso di lingue LINGUISSIMO.
I giovani interessati fra i 16 e i 21 anni possono iscriversi mandando un testo su un tema prestabilito in una delle quattro lingue nazionali. Spesso il concorso viene promosso da docenti e il compito svolto nell’ambito di un lavoro in classe ma i giovani possono anche partecipare individualmente.

www.linguissimo.ch

Tandem bilingui

I 30 migliori autori potranno partecipare alla finale. Durante un week-end in maggio 2014 i giovani lavoreranno in coppia con partner provenienti da un’altra regione linguistica, ossia in seno a “tandem bilingui”. Quest’anno i partecipanti incontreranno prima dei giornalisti nell'ambito di workshop, poi si tratterà per loro di scrivere un'intervista a quattro mani. “Ciò permette ai partecipanti di usare concretamente un’altra lingua nazionale e di saperne di più sulla cultura del partner”, spiega Paolo Barblan, responsabile del concorso LINGUISSIMO.

L'ambiente nel 2050

I giovani possono iscriversi al concorso fino a fine gennaio 2014 tramite il sito internet di LINGUISSIMO. Il testo che tratta il tema “L'ambiente nel 2050”, da scrivere nella lingua madre, e il breve autoritratto in un’altra lingua nazionale vanno inviati entro fine febbraio. In marzo, una giuria valuterà tutti i lavori. La finale si svolgerà in maggio nel Canton Vaud.

Con il progetto LINGUISSIMO Forum Helveticum vuole svegliare l’interesse dei giovani per i loro concittadini delle altre regioni lin­guistiche del Paese, favorire l’uso concreto delle lingue straniere e promuovere la comunicazione inter­cultu­rale fra i giovani.