I

ven 19.07.13

20:30
16218

ven 19.07.13

20:30

Christian Bellisario e Idil Biret

Violoncello e pianoforte

Secondo i suggerimenti che Hugo Becker ricevette da Johannes Brahms quando interpretarono insieme la Sonata op. 38 in mi minore, il pianoforte "dovrebbe essere un partner -spesso un leader- attento e premuroso, che mai assume però un ruolo puramente di accompagnamento". Dedicata all'amico Dr. Josef Gänsbacher, docente di canto alla Vienna Singakademie e violoncellista dilettante, venne composta tra il 1862 (primo e secondo movimento) e il 1865 (terzo movimento). La sonata è in un certo senso un omaggio a Bach di cui richiama il Contrapunctus 3, 4 e 13 dell'Arte della fuga (BWV 1080). Fu durante il ritiro estivo del 1886 a Hofstetten vicino al Lago di Thun in Svizzera che Brahms compose tre dei suoi più amati capolavori cameristici: la Sonata n. 2 per violoncello in fa maggiore op. 99, la Sonata per violino op. 100, e il Piano Trio in do minore op. 101. Dedicata a Robert Hausmann, grande violoncellista ed amico, la sonata n.2 op 99, ricca nei suoi quattro movimenti di energia, gioia e lirismo, è uno dei più amati brani per violoncello e pianoforte.
La quinta (e ultima) Sonata (in Re maggiore op. 102 No. 2) per violoncello e pianoforte venne composta da Ludwig van Beethoven, insieme con la Sonata op. 102 n.1, tra il 1812 e il 1815, e pubblicata nel 1817 con dedica alla Contessa Anna Marie Erdödy, cara amica e confidente.
È questo un Beethoven intenso, maturo, essenziale, profondo.


Promotori

Dicastero Giovani ed Eventi
Via Trevano 55
6900 Lugano
Tel. +41(0)58 866 74 40
www.agendalugano.ch
eventi@lugano.ch