Carlo emilio gadda

Cantieri testuali: Gadda

Conferenza di apertura della giornata di studio dedicata a Carlo Emilio Gadda e al lavoro di riordino delle sue carte nell'Archivio Liberati (Villafranca, Verona).
La vicenda storica delle carte lasciate da Gadda è misteriosa, ingarbugliata: quasi lo specchio della macchina testuale dei suoi romanzi e la metafora della sua visione della realtà, che nel fondamentale La disarmonia prestabilita (1969) Gian Carlo Roscioni definì barocca.

Dall'Archivio Liberati di Villafranca, sono emerse inedite combinazioni, scritture avventizie e inesauribili riscritture. L'attuale proprietario, Arnaldo Liberati, e i filologi che vanno riordinando l'Archivio anche in vista di nuove edizioni dell'opera gaddiana intrapresa dall'editore Adelphi (Giorgio Pinotti, Emilio Manzotti, Paola Italia, Claudio Vela) ci accompagnano nel «groviglio» di questi scritti, dove la filologia si confronta con problemi editoriali e interpretativi, mettendo in discussione anche i suoi princìpi di metodo.

Intervengono:
- Sara Garau, Corrado Bologna: Il "cantiere testuale" gaddiano
- Arnaldo Liberati: L'Archivio Liberati
- Giorgio Pinotti: Gadda e i suoi editori 
- Emilio Manzotti: La "nuova" Cognizione del dolore
- Paola Italia: Il "nuovo" Eros e Priapo
- Claudio Vela: La "nuova" Adalgisa

Programma della giornata

immagine: criticaimpura.wordpress.com


Promotori

Istituto di Studi Italiani (USI)
Via Lambertenghi 10A
6900 Lugano
Tel. +41(0)58 666 48 26
http://www.isi.com.usi.ch
isi.com@usi.ch