I

sab 26.04.14 - ven 11.07.14

Tutto il giorno
Zimoun  36 ventilators  4.7 m3 packing chips  2014

sab 26.04.14 - ven 11.07.14

Tutto il giorno

Zimoun - 36 ventilators, 4.7 m3 packing chips

A cura di Guido Comis e Cristina Sonderegger

Che cosa fareste se aveste a disposizione cinque metri cubi di patatine da imballaggio,trentasei ventilatori e la Limonaia di Villa Saroli a Lugano?

Mentre pensate alla risposta potete fare un salto alla Limonaia sabato 26 aprile dalle 17.00, per vedere come questo quesito è stato risolto da Zimoun (Berna, 1977), uno dei più brillanti giovani artisti svizzeri.

Zimoun è autore di installazioni in cui semplici meccanismi elettrici sono all'origine di movimenti e suoni che interferiscono con architetture esistenti o realizzate da lui stesso con materiali comuni come scatole di cartone. Le installazioni così ottenute suscitano meraviglia e sconcerto al tempo stesso. Non siamo infatti abituati ad associare il brulicare di movimenti e suoni ripetitivi con gli ambienti che abitiamo e la sollecitazione sensoriale prodotta dalle opere evoca in noi la frenesia inquietante degli alveari e dei formicai, trasferisce a spazi chiusi la somma di percezioni che siamo soliti trovare solo nella natura dove il frusciare del vento si aggiunge al vibrare delle foglie, al ticchettare della pioggia, al gorgogliare dell’acqua. La mostra di Zimoun nella Limonaia di Villa Saroli chiude, almeno per il momento, il ciclo a  cura del Museo d'Arte Lugano di esposizioni dedicate ad artisti  emergenti inaugurato nel 2011.

Artista

Zimoun, uno dei più brillanti artisti svizzeri delle ultime generazioni. Nato a Berna, dove tuttora risiede, nel 1977, Zimoun è autore di opere che si basano sull’interazione fra piccoli meccanismi elettrici che producono movimenti ripetitivi – come l’oscillare di sfere o aste – e architetture esistenti o costruite dall’artista stesso con elementi modulari, come semplici scatole di cartone. Le installazioni così create suscitano nello spettatore meraviglia e sconcerto al tempo stesso. I meccanismi, disposti in successioni apparentemente infinite, interferiscono infatti visivamente e acusticamente con l’architettura, alterando in modo sorprendente la percezione dello spazio. Non siamo abituati ad associare il brulicare di movimenti ripetitivi con gli ambienti che abitiamo e la sollecitazione sensoriale prodotta dalle opere evoca in noi la frenesia inquietante degli alveari e dei formicai, trasferisce a spazi chiusi la somma di percezioni che siamo soliti trovare solo nella natura dove il rumore del vento si aggiunge al vibrare delle foglie e dell’erba, al gorgogliare dell’acqua e ai versi degli animali. 

L’incontro, accompagnato dagli straordinari filmati con cui Zimoun stesso ha documentato le proprie opere, rappresenterà pertanto l’occasione per apprendere dalla voce dell’artista quali siano state le fonti di ispirazione e le intuizioni che lo hanno condotto a elaborare tale percorso di ricerca. Oltre che l’opportunità per parlare delle opere l’incontro sarà anche l’occasione per apprendere come si sia svolto da un punto di vista pratico l’iter di un artista che è riuscito ad affermarsi internazionalmente in un ambiente estremamente competitivo. Fra le sedi che hanno ospitato l’opera dell’artista in tempi recenti ricordiamo infatti il Nam June Paik Art Center, Yongin, Korea, il Kuandu Museum of Fine Arts, Taipei,il Ringling Museum of Art, Florida, l’Harnett Museum of Art, Richmond, la Kunsthalle Bern, il Seoul Museum of Art, il Musée des Beaux Arts, Rennes, il Beall Art Center, Los Angeles; il MSUM, Ljubljana, il National Art Museum, Pechino.


Informazioni extra

Inaugurazione sabato 26 aprile, dalle ore 17.00

Orari d'apertura: 
Lunedì - Venerdì 
09.00-12.00 / 13.30-17.00 o su appuntamento 

Per maggiori informazioni:
Tel.: +41 (0)58 866 7214
Mail: mediazione@lugano.ch


Promotori

Museo d'Arte
Villa Malpensata, Riva Caccia 5
6900 Lugano
Tel. +41 (0)58 866 72 14
www.mdam.ch
info.mda@lugano.ch
Fax. +41 (0)58 866 74 97