I

Microfono flickr

Controlli e contagi

Non tutti morimmo a stento

"Viviamo in un tempo di controlli. È come se la nostra quotidianità fosse assediata da un bisogno di polizze d'assicurazione su ogni aspetto della vita. Ma di quali paure parliamo? Paure sempre più invisibili, silenziose ma capaci di avvelenare quel necessario chez-soi, da cui dovrebbe essere fatta la vita quotidiana.

Sembriamo oramai tutti affetti dalla sindrome da insicurezza, che ci rende vieppiù vulnerabili. La metafora della "contaminazione virale" , di quelle entità che il nostro sistema immunitario, biologico ma anche sociale e psicologico, non riesce più a riconoscere immediatamente perché capaci di mimetizzarsi nella stessa quotidianità, evoca bene la condizione di insicurezza, appena smettiamo di credere alle illusioni di una vita fatta di mero intrattenimento o di lotterie fantasmagoriche."

Le infezioni emergenti continuano a essere un tema di grande attualità nella salute pubblica. Le recenti epidemie del nuovo MERS-CoV (Middle East Respiratory Syndrome Coronavirus) nei Paesi arabi e di Ebola in Guinea e in alcuni Paesi confinanti hanno fatto notizia anche nei nostri quotidiani. Rischi che sembrano confinati a Paesi extra-europei possono rapidamente coinvolgerci a causa dei rapidi spostamenti da un Paese all'altro con i moderni mezzi di trasporto.

L'emergere di nuovi virus è spesso la conseguenza del passaggio di microorganismi da una specie a cui sono ben adattati all'uomo. Ciò rappresenta l'ineluttabile conseguenza dell'evoluzione naturale e del successo di virus, batteri e altri parassiti nel trovare nuove nicchie biologiche per moltiplicarsi.

Purtroppo l'incoscienza dell'uomo contribuisce a sua volta all'apparizione di germi emergenti. L'esempio più rappresentativo, che sarà discusso nella conferenza, è l'apparizione di batteri resistenti a tutti gli antibiotici disponibili sul mercato. Torneremo all'era prima dell'avvento degli antibiotici in cui si moriva per infezioni fino a poco tempo fa considerate quasi banali perché facilmente curabili?

Professor Graziano Martignoni SUPSI
Graziano Martignoni, medico, psichiatra FMH e psicoanalista, professore al Dipartimento di Scienze aziendali e sociali della SUPSI, docente di psicopatologia all'Universiità di Friborgo. Vice direttore della Rivista per le Medical humanities e della Fondazione Sasso Corbaro.

Professor Enos Bernasconi EOC
Enos Bernasconi, vice-primario di medicina interna presso l'Ospedale Regionale di Lugano (sede Civico), capo servizio di malattie infettive dell'Ospedale Regionale di Lugano (sede Civico). Dal 2006 ha un'attività di insegnamento all'Università di Ginevra ed è consulente presso la divisione di malattie infettive del dipartimento di medicina interna dell'ateneo ginevrino. Inoltre, è responsabile medico del Servizio di consulenza sui farmaci e del Centro regionale di farmaco vigilanza della Svizzera italiana.


Informazioni extra

L'evento si terrà nell'aula multimediale


Promotori

Dipartimento dell'educazione, della cultura e dello sport
Residenza governativa
6500 Bellinzona
Tel. +41 (0)91 814 44 50
www.ti.ch/decs
decs-dir@ti.ch
Fax. +41 (0)91 814 44 30