mar 15.07.14 - sab 19.07.14

Tutto il giorno
Territori

mar 15.07.14 - sab 19.07.14

Tutto il giorno

Territori 2014

Festival di teatro spazi urbani

Cinque giorni senza limiti e confini

"Quando sembrava che la caduta del Muro di Berlino ci avesse regalato la fine della storia e con essa il superamento di ogni confine, che le società dovessero essere sempre più aperte, quasi spalancate, siamo tornati a far rientrare tutto e tutti entro i propri limiti, a costruire barriere, muri e frontiere. Inneggiavamo alle libertà senza confini ma pensavamo alle libertà dentro ai confini.

Così i confini continuano come non mai a determinare le nostre esistenze. Ma facciamo fatica a coglierne il potenziale creativo, che si esplica quando mettiamo in campo tutte le nostre energie per superarli, per conquistarci, rimettendoci in gioco, nuovi ambiti di libertà. Insomma, limiti e confini sono un formidabile motore, forse il più potente, della creatività. Ed è a questo modo di intendere l’idea di confini che abbiamo pensato allestendo il cartellone di Territori ’14. Un omaggio alla creatività di chi ha l’ardire di superare prima di tutto se stesso.

Molti confini li ha certamente dovuti superare il pittore Antonio Ligabue, come a Territori ’14 ci racconta Mario Perrotta in due spettacoli (“Un bès” e “Pitur”). Ma non meno carichi di significati e di emozioni sono i confini che si superano fra infanzia ed età adulta (“Rauw” e “Thérèse e Isabelle”), fra percezione visiva e cecità (“Sights”), fra mondo reale e sogno (“Abîmes”). Per non parlare dei confini intesi in senso più tradizionale, quelli fra Stati, anche loro ben presenti a Territori ’14 (“Con t(r)atto” e “Questa mamma a chi la do?”), o quelli fra generi musicali (Kuasar String Kuartet) e artistici (“Dove d’arte ci si muove”).

Ed è anche nel segno di un sempre più chiaro superamento dei confini fra generi artistici che si pone questa edizione di Territori. In particolare il rapporto fra arti sceniche e arti figurative è viepiù caratterizzato da osmosi anziché da nette barriere distintive. Ne fanno fede fra gli altri i lavori di Mario  Perrotta, di Trickster-p, di Nando Snozzi e Claudio Taddei, della NoName Company, della Cie. Autonyme, di Opera Retablo, di David Ymbernon.

Per un festival che si vuole crocevia di culture non ci poteva essere tema migliore che “Confini”. A voi l’invito a seguire la programmazione di Territori ’14 per vivere in modo diverso la città di Bellinzona: cinque giorni senza limiti e confini."

Gianfranco Helbling
direttore Teatro Sociale Bellinzona

Programma


Entrata

A partire da CHF 10.-

Biglietto omaggio per tutti gli spettacoli per giovani fino a 16 anni accompagnati da un adulto.

Abbonamento Territori ½ prezzo è in vendita a Fr. 30.-  presso Bellinzona Turismo e al Centro Festival e dà diritto al 50% di sconto su ogni spettacolo.

Maggiori informazioni


Informazioni extra

Prevendita online

Per gli spettacoli che si svolgono al Teatro Sociale e al Castello Montebello è possibile acquistare i biglietti anche online con il sistema print at home (solo biglietti a prezzo intero) o presso tutta la rete di punti vendita Ticketcorner (con sovrapprezzo).

Prevendita dal 18 giugno al 19 luglio:
Centro Festival, c/o Bellinzona Turismo, Palazzo Municipale
tel. 0041 (0)91 825 21 31 - info@bellinzonaturismo.ch

lunedì - venerdì ore 9.00 - 18.30
sabato ore 9.00 - 14.00 (19 luglio: fino alle 18.30)
domenica ore 10.00 - 14.00
La prevendita per ogni singolo spettacolo chiude un’ora prima dell’inizio dello spettacolo.

Cassa serale: sul luogo dello spettacolo, a partire da 30 minuti prima dell’inizio.


Promotori

Teatro Sociale di Bellinzona
Piazza Governo 11
6500 Bellinzona
Tel. +41 (0)91 820 24 44
www.teatrosociale.ch
info@teatrosociale.ch
Fax. +41 (0)91 820 24 49

Bellinzona Turismo e Eventi
Palazzo Civico
6500 Bellinzona
Tel. +41 (0)91 825 21 31
www.bellinzonaturismo.ch
info@bellinzonaturismo.ch
Fax. +41 (0)91 821 41 20