gio 30.10.14 - sab 15.11.14

14:00
Fen

gio 30.10.14 - sab 15.11.14

14:00

Fen – Aa. Vv.

9a Biennale dell’immagine 2014−2015

Fen, opere di Florian Bessler, Sandro Pianetti, Gabriel Stöckli, Vera Trachsel e Gianmaria Zanda.

Durante dieci giorni di residenza artistica presso un alpe privo di elettricità situato sul monte Sighignola, isolato ma contemporaneamente posto a stretto contatto visivo e acustico con la città di Lugano, cinque artisti ticinesi hanno convissuto e hanno sviluppato collettivamente il concetto della mostra Fen.  gli artisti hanno documentato l’esperienza e hanno sperimentato varie forme espressive legate alle molteplici possibilità offerte dall’ambiente naturale.

Florian Bessler (1963) vive e lavora ad Arogno.
Fiero contadino di montagna, risiede da vent’anni in Ticino, dapprima all’alpetto di Pierino, poi nel borgo di Arogno, dove vive con la moglie e i sei figli maschi portando avanti la sua attività.

Sandro Pianetti (1987) vive e lavora a Vaglio.
Dopo aver sperimentato svariati media, Sandro pare al momento concentrarsi sopratutto su video e installazioni, attribuendo particolare importanza al ruolo dato dal suono e alle interazioni che esso può creare. Nella sua pratica artistica persiste la voglia di fondare le proprie opere su un dettaglio degno di nota proposto dal caso o da leggi fisiche.

Gabriel Stöckli (1991) vive e lavora a Balerna.
Generalmente i lavori di Stöckli nascono da intuizioni dettate da materiali, oggetti o situazioni. Utilizza differenti media spesso anche in modo empirico, proprio per avere il giusto margine di sperimentazione ed errore che gli permetta di affascinarsi maggiormente e capire come possa risultargli utile.

Vera Trachsel (1988) vive e lavora a Bienne.
Attratta dalla materialità e dalle atmosfere che la circondano, nel suo lavoro sono racchiusi semplici gesti, trasformazioni di cose quotidiane, pensieri sulla funzione e l’inutilità degli oggetti, fragili salti che cominciano da un foglio e giungono a un video di un vulcano, di carta.

Gianmaria Zanda (1985) vive e lavora a Brusino Arsizio.
Nelle sue opere mette in evidenza la tensione tra l’aspetto formale e quello simbolico. Rappresentazioni di oggetti diversi si trovano accomunate da una similitudine nella forma e nelle linee, spesso impercettibili, che le compongono. Questo aspetto, trattato in modo talvolta ludico, permette di far trasparire la distanza che separa le parole e le cose.


Entrata

Entrata libera


Informazioni extra

Inaugurazione 30 ottobre 2014 ore 18.00

Orari: giovedì−venerdì 18.00 − 21.00, sabato 14.00 − 17.00

Aperture speciali / Festività
2 novembre 14.00 - 17.00


Promotori

Centro Culturale Chiasso
Via Dante Alighieri 3/b
6830 Chiasso
Tel. +41 (0)91 695 09 14
www.centroculturalechiasso.ch
cultura@chiasso.ch
Fax. +41 (0)91 695 09 18