30255

"Avevo paura di parlare, non potevo più esprimere le mie opinioni"

Sensi del Silenzio

Una testimonianza di silenzio imposto a cura di Amnesty international

"Ogni individuo ha diritto alla libertà di opinione e di espressione incluso il diritto a non essere molestato per la propria opinione e quello di cercare, ricevere e diffondere informazioni e idee attraverso ogni mezzo e senza riguardo a frontiere"; così recita l'articolo 19 della Dichiarazione dei diritti dell'Uomo adottata dalle Nazioni Unite il 10 dicembre 1948. Questa dovrebbe essere la realtà per tutti gli uomini e le donne nel mondo, indipendentemente dalle leggi e dai governi degli stati in cui vivono. Putroppo l'ingiustizia e la violazione di questi diritti sono all'ordine del giorno, tanto che è legittimo porsi la seguente domanda: cosa non funziona quando un governo ritiene che le nostre parole e i nostri pensieri siano più pericolosi delle armi? Amnesty International propone una riflessione sul silenzio imposto e sul diritto alla libertà di espressione, valido sempre, per tutti, indipendentemente dal fatto di condividere o meno le opinioni di chi parla. Ascoltiamo - in silenzio - le parole di chi con la forza è stato costretto a non parlare e che ha scelto l'esilio pur di riconquistare questo diritto.

Programma "Sensi del Silenzio" PDF


Promotori

Amnesty International
Via Curti 19a
6900 Lugano
www.amnesty.ch

Biblioteca cantonale Bellinzona
Viale S. Franscini 30a
6500 Bellinzona
Tel. +41 91 814 15 00/14
www.sbt.ti.ch/bcb/home
bcb-segr.sbt@ti.ch