37352 freakout

Freak Out!

La storia del Monte Verità di inizio Novecento

Una docu-fiction che mette in scena la storia del Monte Verità di inizio Novecento. Si tratta di un lavoro che, dalla sua apparizione nel gennaio di quest'anno, ha già riscosso ottimi consensi di pubblico e critica (Grand Award al World Media Festival di Amburgo, Main Award al MakeDox International Film Festival di Skopje, 4 mesi nelle sale cinematografiche svedesi, diffusione sulla televisione nazionale danese). La storia degli albori del Monte Verità, narrata attraverso il punto di vista di uno dei suo fondatori, la visionaria-femminista-pianista Ida Hofmann, fa un uso molto interessante delle fonti storiche, non senza una punta di ironia. 

Regista Carl Javér

Docu-fiction | Svezia, Germania, Danimarca, Norvegia | 2014 | 89’

Ascona, un villaggio tranquillo sul Lago Maggiore, 1900: mentre nelle grandi città europee i mutamenti economici e sociali sembravano insostenibili, una situazione non tanto diversa da quella odierna, un gruppo di pensatori radicali, in testa Henry Oedenkoven e Ida Hofmann, Otto Gross (uno dei pupilli di Sigmund Freud) e Gusto Gräser, compra la cima di un colle, e getta le basi per una comunità che avrebbe voluto cambiare il mondo.

Nasce il Monte Verità. Il primo gesto a segnare uno strappo con il mondo patriarcale e borghese da cui provengono è un falò degli abiti che hanno portato con sé, i reggiseni innanzitutto. Mentre gli abitanti del Monte sperimentano il veganismo, il nudismo, il libero amore e il femminismo, il mondo esterno (a partire dalle famiglie di provenienza) non si dimostra granché disposto alla novità. Questo non impedisce a personaggi come Freud, Jung, Lenin, Hermann Hesse, Rudolf Steiner e Mary Wigman di frequentare quel luogo. Carl Javér dà al personaggio della Hofmann un ruolo di narratrice, scegliendo uno stile di animazione che integra reenactment e materiali di repertorio in maniera leggera e non priva di ironia.

 Proiezione in lingua inglese

La proiezione sarà seguita da una conversazione (in inglese con traduzione in italiano) con Cristina Foglia, giornalista RSI (Rete 2) e i realizzatori del film: il produttore Fredrik Lange e il regista Carl Javér, appositamente giunti al Monte Verità dalla Svezia.


Entrata

CHF 12.-


Promotori

Fondazione Monte Verità
Via Collina 84
6612 Ascona
Tel. +41 (0)91 785 40 40
www.monteverita.org
info@monteverita.org
Fax. +41 (0)91 785 40 50