Kazan tree brooklyn cast

A Tree grows in Brooklyn

Rassegna Elia Kazan (e i suoi attori)

Uomo dalle molte contraddizioni, diviso tra il sentimento dello sradicamento e il desiderio di integrazione, sempre attratto dalle situazioni conflittuali, ossessionato dalla fisicità dei corpi, enfaticamente rappresentata sia nelle regie teatrali sia nei film realizzati a partire dagli anni Cinquanta, Kazan ha lasciato, pur con i suoi alti e bassi, un segno profondo nel cinema americano del dopoguerra. E per questo i Circoli del cinema del Ticino hanno deciso di proporre una rilettura completa dei suoi film, che permetterà di seguire la sua evoluzione artistica e la sua indiscutibile maestria nel dirigere gli attori verso il risultato intimamente voluto.

Un albero cresce a Brooklyn

Regia Elia Kazan

USA | 1945 | 123’

Interpreti: Dorothy McGuire, Joan Blondell, James Dunn, Lloyd Nolan, Peggy Ann Garner, Ted Donaldson, James Gleason, Ruth Nelson, John Alexander

v.o. inglese, st. francese, bianco e nero

A New York, alla fine dell’Ottocento, la vita di una famiglia irlandese in un sobborgo popolare, tra la solidarietà del vicinato e l’amore di papà per la bottiglia.

Primo film di Kazan (tratto dal romanzo omonimo di Betty Smith e sceneggiato da Tess Slesinger e Frank Davis), il film dosa con sapienza momenti tristi e allegri, tra una miriade di personaggi: un ritratto efficace della quotidianità in uno spicchio della grande metropoli. Oscar a James Dunn per l’attore non protagonista. (Mereghetti)

Leon Shamroy, il direttore della fotografia, si rese ben presto conto che io non ne sapevo troppo sulla costruzione di un film, dato che il mio solo talento risiedeva nella direzione degli attori; e mi suggerì di dirigere ogni scena come l’avrei fatto a teatro, mentre lui avrebbe fotografato l’azione per me e mi avrebbe detto quali “inserti” e quali primi piani sarebbero stati necessari. Il produttore trovò l’idea interessante e così ci mettemmo al lavoro seguendo questo principio. Tutto andò bene fin quando Leon decise che voleva figurare nei titoli di testa come “co-regista” e che il film sarebbe stato presentato come una collaborazione tra lui e me. Io avevo i miei dubbi, ma ero anche cosciente che non avevo nessuna nozione del montaggio, dei movimenti della macchina da presa o delle angolazioni delle riprese. Lighton, il produttore, mi disse di non preoccuparmi: avrebbe visionato i giornalieri ogni pomeriggio con Zanuck (il patron della 20th Century Fox) e loro due avrebbero assemblato le scene per me. Deve anche aver detto due parole a Leon, dato che non si parlò più di questa collaborazione alla regia. (Elia Kazan)

Programma Rassegna Elia Kazan


Entrata

CHF 10.- | 8.- | 6.-


Rassegna a cura dei Circoli dei cinema ticinesi, in collaborazione con il Festival del film Locarno (www.pardo.ch)


Promotori

Circolo del cinema di Bellinzona
6500 Bellinzona
www.cicibi.ch
info@cicibi.ch