32936

Un treno per vivere

Rassegna "Alle origini del male"

Cinema e Storia : deportazione e sterminato in Europa ( 1933 – 1945 )

A 70 anni dalla liberazione del campo di concentramento di Auschwitz, in occasione della "Giornata cantonale della memoria" il Consiglio di Stato e il Delegato cantonale all’integrazione degli stranieri propongono dal 27 al 30 gennaio 2015 una rassegna cinematografica a carattere storico che si prefigge di dare l'opportunità di (ri)vedere alcuni film, quasi tutti recenti, per cercare di capire l'origine del male. Pellicole che, con rigore stilistico e un corretto approccio tematico, possano cercare di spiegare come fra il 1933 e il 1945 si è giunti allo sterminio organizzato di milioni di persone fra disabili, ebrei, omosessuali, oppositori, testimoni di Geova e zingari. A 90 anni dalla pubblicazione del volume “Mein Kampf” di Adolf Hitler, il cinema e la ricostruzione storica possono essere uno strumento per capire quanto realmente accaduto?

Presentazione: Antonio Mariotti, giornalista, critico cinematografico

Regia Radu Mihaleanu

Commedia drammatica | Francia, Belgio, Romania | 1998 | 103' 

con Lionel Abelanski, Rufus, Clément Harari, Michel Muller, Bruno Abraham-Kremer

Il film tratta in maniera ironica la Shoah. La storia è ambientata in uno shtetl nel 1941. Shlomo, il pazzo del villaggio, avvisa i suoi compaesani che nei villaggi vicini gli ebrei sono deportati dai militari nazisti. Si riunisce il consiglio degli anziani e, grazie a un'idea di Shlomo, decide di organizzare un finto treno di deportazione che accompagni tutto lo shtetl in Palestina passando per l'Unione Sovietica. Il film ha ricevuto un David di Donatello nel 1999.

In italiano

Flyer rassegna


Entrata

Biglietti singoli (prezzo unico) CHF 10.- alla cassa del cinema
Abbonamento ai 7 film (prezzo unico) CHF 60.-
Abbonamento a 4 film a scelta (prezzo unico) CHF 30.-


Promotori

Delegato cantonale per l'Integrazione degli stranieri
Piazza Governo
6500 Bellinzona
Tel. +41 (0)91 814 32 01
www.ti.ch/di
Contatto: Francesco Mismirigo