Capitalism a love story

Capitalismo una storia d'amore

L'economia nonviolenta e la decrescita felice

In un ambiente dalle risorse finite non ci può essere una crescita economica infinita. Il nostro stile di vita "compra e getta", incentrato sul volere sempre di più, ha creato un danno enorme, un debito con la nostra terra e con il futuro benessere dei nostri figli. Sempre più persone si rendono conto che la crescita del Prodotto Interno Lordo (PIL), e quindi dell'economia dei consumi, non corrisponde a una crescita del nostro benessere e della felicità. Per questo motivo il CNSI propone una conferenza e una serie di documentari che possono fungere da punto di partenza per una discussione sulle alternative alla crescita economica. Tutti i film hanno un elemento in comune: una strada che si basa sull'economia nonviolenta di Gandhi e che si può chiamare la decrescita felice: "Vivere semplicemente per permettere agli altri semplicemente di vivere".

Alle proiezioni seguirà una discussione, moderata dal regista Stefano Ferrari. 

Un film di Michael Moore

Documentario | USA | 2009 | 90'

Chi perde l’azienda, chi il lavoro, chi la casa, chi tutto, ma chi guadagna invece? La teoria originale del c a p i t a l i s m o e r a s e m p l i c e, guadagnava di più chi aveva la migliore offerta e chi guadagnava di più poteva guadagnare ancora e ancora di più, così poteva essere un buon contribuente e fare si che con il denaro ricavato dalle sue tasse la società potesse migliorare e fornire buoni servizi ai cittadini: un sistema virtuoso. Eppure qualcosa non ha funzionato.

Programma serate


Promotori

Centro Nonviolenza Svizzera Italiana (CNSI)
Casella Postale 1303
6500 Bellinzona
Tel. 091/825.45.77
www.nonviolenza.ch
info@nonviolenza.ch