27923 fotobusta 2 %281280x904%29

Il giardino dei Finzi-Contini

Rassegna "Alle origini del male"

Cinema e Storia: deportazione e sterminato in Europa ( 1933 – 1945 )

A 70 anni dalla liberazione del campo di concentramento di Auschwitz, in occasione della "Giornata cantonale della memoria" il Consiglio di Stato e il Delegato cantonale all’integrazione degli stranieri propongono dal 27 al 30 gennaio 2015 una rassegna cinematografica a carattere storico che si prefigge di dare l'opportunità di (ri)vedere alcuni film, quasi tutti recenti, per cercare di capire l'origine del male. Pellicole che, con rigore stilistico e un corretto approccio tematico, possano cercare di spiegare come fra il 1933 e il 1945 si è giunti allo sterminio organizzato di milioni di persone fra disabili, ebrei, omosessuali, oppositori, testimoni di Geova e zingari. A 90 anni dalla pubblicazione del volume “Mein Kampf” di Adolf Hitler, il cinema e la ricostruzione storica possono essere uno strumento per capire quanto realmente accaduto?

Presentazione: Gino Buscaglia, giornalista e critico cinematografico

Regia Vittorio De Sica

Drammatico |  Italia | 1970 | 93'

con Lino Capolicchio, Dominique Sanda, Helmut Berger, Fabio Testi

Tra i pochi frequentatori della casa dei Finzi Contini - un'antica ed aristocratica famiglia ebraica che vive in una lussuosa villa di Ferrara circondata da un vasto giardino - ci sono due giovani: Giorgio e Giampaolo, amici dei più giovani esponenti della famiglia, Micol e Alberto. Innamoratissimo della bella Micol, Giorgio si accorge con disappunto che la ragazza, pur dimostrandogli simpatia e tenerezza, non esita a concedersi a Giampaolo. Sono gli anni che preludono alla seconda guerra mondiale, nel vivo della politica di discriminazione razziale. Le pene d'amore di Giorgio sono ben presto sopraffatte da un dramma senza precedenti che sconvolge l'esistenza della famiglia Finzi Contini come pure di tutta la comunità ebraica ferrarese. Mentre Alberto, affetto da lungo tempo da una grave malattia, muore, gli altri componenti della famiglia Finzi Contini vengono arrestati dai nazisti e deportati. Anche il padre di Giorgio subisce la stessa sorte; Giampaolo, a sua volta, inviato sul fronte russo, non farà più ritorno. Soltanto Giorgio riuscirà a sottrarsi alla cattura e alla morte.

In italiano 

Flyer rassegna


Entrata

Biglietti singoli (prezzo unico) CHF 10.- alla cassa del cinema
Abbonamento ai 7 film (prezzo unico) CHF 60.-
Abbonamento a 4 film a scelta (prezzo unico) CHF 30.-


Promotori

Delegato cantonale per l'Integrazione degli stranieri
Piazza Governo
6500 Bellinzona
Tel. +41 (0)91 814 32 01
www.ti.ch/di
Contatto: Francesco Mismirigo