I

dom 01.02.15

15:30
Salvator rosa

dom 01.02.15

15:30

Trasformazioni tra alchimia, arte e poesia - Salvator Rosa

Vernissage

Salvator Rosa nasce a Napoli, secondo le fonti più accreditate intorno al 20 giugno del 1615. Tuttavia, in alcuni testi, viene riportata una data succedente di un mese, intorno al 20 o al 21 luglio, sempre del 1615. È stato un artista a trecentosessanta gradi, barocco, soprattutto pittore e incisore, oltre che apprezzato poeta e versato teatrante. A parte Napoli, la sua città, si è fatto conoscere anche a Firenze e a Roma.

Suo padre è l'avvocato Vito Antonio de Rosa, noto nell'ambiente napoletano. La famiglia abita all'Arenella, all'epoca zona fuori dalle mura della città partenopea. I voleri paterni, sin da quando il futuro pittore è appena un bambino, sono orientati verso l'avvocatura o, in alternativa, verso una carriera ecclesiastica.

Conosciuto soprattutto come pittore, poeta e filosofo, in occasione dei quattrocento anni dalla nascita viene presentato al m.a.x. museo di Chiasso il Salvator Rosa incisore grazie ai disegni preparatori, alle preziose matrici in rame e alle corrispondenti stampe.

I materiali provengono dalla Stiftung Bibliothek Werner Oechslin di Einsiedeln, dalla Graphische Sammlung dell’ETH di Zurigo, dall’Istituto Centrale per la Grafica di Roma del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo (MIBACT) oltre che dalla Civica Raccolta delle Stampe Achille Bertarelli – Castello Sforzesco di Milano, dal Gabinetto dei Disegni e delle Stampe di Firenze, dal Museo Civico Ala Ponzone di Cremona e da collezioni private italiane e svizzere.


Informazioni extra

Per maggiori informazioni:

info@maxmuseo.ch, T. +41 (0) 91 695 08 88, F. +41 (0) 91 695 08 96


Saranno presenti:

Patrizia Pintus, Capo Dicastero Cultura di Chiasso.

Werner Oechslin, professore emerito di Storia dell’arte e Storia dell’architettura al Politecnico Federale di Zurigo,direttore della Stiftung Bibliothek Werner Oechslin di Einsiedeln e co-curatore della mostra.

Claudio Bonvecchio, professore ordinario di Filosofia delle Scienze sociali all'Università dell’Insubria e redattore di un saggio all’interno del catalogo della mostra.

Nicoletta Ossanna Cavadini, direttrice m.a.x. museo e Spazio Officina, co-curatrice della mostra.


Promotori

m.a.x. Museo
Via Dante Alighieri 6
6830 Chiasso
Tel. +41 (0)91 682 56 56
www.maxmuseo.ch
info@maxmuseo.ch
Fax. +41 (0)91 682 10 33