Bignami

I cattolici italiani e la Grande Guerra. Tra ‘guerra giusta’ e ‘inutile strage’

Conferenza di Bruno Bignani

Due domande hanno tormentato la Chiesa nella Prima Guerra mondiale: cosa accade se la Chiesa, così impegnata a combattere la modernità, ne accolga invece acriticamente uno dei tratti più peculiari, cioè il nazionalismo? Cosa succede se proprio coloro che hanno ricevuto una formazione antimodernista, i preti, finiscono in trincea al fianco di giovani coetanei in armi? Sposando l’idea moderna di Stato nazionale, i cattolici appoggiano l’uso delle armi con tutte le sue contraddizioni.

La crisi dei preti reduci, che hanno vissuto la guerra in trincea, colpisce centinaia di ecclesiastici, molti dei quali abbandonano il seminario, la vita religiosa o il sacerdozio, testimoniando le trasformazioni operate dalla guerra sul modo di essere prete e sulla relazione con il mondo. Si scopre così che nell’«inutile strage» si è «consumato il divorzio» tra la Chiesa e la guerra e si sono «celebrate le nozze» della Chiesa con il mondo, nel senso evangelico di luogo non da condannare ma da amare.

Oggi, nel centenario del conflitto, papa Francesco ha ammonito che l’anniversario è da annoverare tra le giornate di lutto: perché «tutto si perde con la guerra e nulla si perde con la pace».

Bruno Bignami è prete della diocesi di Cremona. Dal 2010 è presidente della Fondazione «don Primo Mazzolari» che ha sede a Bozzolo (MN). 

Locandina


Informazioni extra

Immagine: www.diocesidicremona.it


Conferenza di Bruno Bignani 

Introduce Fernando Lepori


Promotori

Associazione Biblioteca Salita dei Frati
Salita dei Frati 4
6900 Lugano
Tel. +41 (0)91 923 91 88
www.bibliotecafratilugano.ch
bsf-segr.sbt@ti.ch