30936

Carmina non dant panem

La cultura a Locarno: alibi o necessità?

Una recente pubblicazione (Renato Martinoni, La cultura nel Locarnese fra Otto e Novecento, Bellinzona, Salvioni, 2014) ha fornito lo spunto per tornare su alcuni aspetti del contesto culturale che caratterizzò, storicamente, la città di Locarno.

Come è ampiamente noto, vi convissero due comunità culturali che non ebbero apparentemente sedi e momenti di interazione particolarmente proficua: le figure di portata europea della letteratura, dell’arte, della filosofia, delle scienze non brillarono certo per spirito di integrazione e probabilmente anche il tessuto locale, quello sociale e quello culturale, seppe approfittare solo in parte di queste presenze. Tutto ciò ebbe (o non ebbe) un influsso importante sulla cultura di Locarno anche nei decenni a seguire, fino a oggi.

Alla luce di questo e senza dimenticare quella stagione fortunata e le opportunità a suo tempo poste, nell’incontro con l’autore del saggio, con il presidente della maggiore istituzione culturale cittadina e con un rappresentante del Municipio si discuterà intorno ai valori e alle potenzialità della cultura nella regione e, più in generale, sul ruolo sociale ed economico della cultura per una realtà urbana.

Invito


Alain Scherrer - Capo Dicastero Sicurezza e Cultura della Città di Locarno
Rudy Chiappini - Responsabile dei Servizi culturali della Città di Locarno
Renato Martinoni - Professore di Letteratura italiana all’Università di San Gallo
Marco Solari - Presidente del festival del film di Locarno
Stefano Vassere - Direttore delle Biblioteche cantonali di Locarno e Bellinzona



Promotori

Biblioteca Cantonale Locarno
Via Cappuccini 12
6600 Locarno
Tel. +41 (0)91 759 75 80
www.sbt.ti.ch/bclo
bclo-segr.sbt@ti.ch
Fax. +41 (0)91 759 75 99