gio 23.04.15

20:30
Bella ciao

gio 23.04.15

20:30

Bella ciao

Il più importante spettacolo del folk revival italiano, riallestito dopo 50 anni

Cos'è Bella ciao
Nel 1964 il Nuovo Canzoniere Italiano, con la regia di Roberto Leydi e Filippo Crivelli, propone al pubblico del Festival dei Due Mondi a Spoleto lo spettacolo Bella ciao, un programma di canzoni popolari italiane. È il risultato di un approfondito lavoro di ricerca sul canto popolare e sulla tradizione orale e si inserisce nel solco di altri spettacoli quali Milanin Milanon e soprattutto Pietà l'è morta. Il suo successo, a cui hanno contribuito anche le polemiche scoppiate in occasione della prima del 21 giugno, ne ha fatto una delle pietre miliari del folk revival italiano. Da lì deriva il lavoro della maggior parte dei musicisti che ancora oggi portano con successo la musica popolare italiana nelle piazze di tutto il mondo, riverberando quell'eco originaria che non si è mai spenta.

Bella ciao oggi
In vista della ricorrenza dei 50 anni dalla prima un gruppo di istituzioni, di enti culturali, di intellettuali e di musicisti, dando seguito a un'idea di Franco Fabbri, ha promosso il riallestimento dello spettacolo, non quale atto di archeologia musicale quanto piuttosto per sollecitare il pubblico contemporaneo riproponendo le intenzioni e le canzoni dello spettacolo originario. Un'operazione forse audace ma che si è dimostrata vincente, realizzata in accordo con gli autori dello spettacolo e i loro eredi, con l'Istituto Ernesto de Martino, con il Laboratorio di etnomusicologia e antropologia visuale dell'Università degli studi di Milano e con il Centro di dialettologia e di etnografia di Bellinzona, dov'è custodito il Fondo Roberto Leydi. Nel Fondo sono comprese le registrazioni originali delle repliche milanesi del 1965 al Teatro Odeon, sulle quali i musicisti hanno basato il loro lavoro di preparazione di questo riallestimento.
Dopo la prima alla Camera del Lavoro di Milano lo scorso 11 giugno 2014 e una replica al Festival Sentieri acustici nella Montagna Pistoiese, Bella ciao varca ora i confini e approda anche in Svizzera.

I testi
Le canzoni di Bella ciao non solo conservano tutta la loro potenza espressiva, ma hanno acquisito una nuova urgenza nel mondo globalizzato per i loro valori libertari, pacifisti e civili. Bella ciao è una lezione di democrazia che nasce dal basso, un romanzo storico costruito attraverso la musica, i suoni e le parole. La grande forza dello spettacolo originale stava nella scaletta dei brani, qui riproposta parzialmente ma con rigore filologico. L'innovazione del nuovo allestimento sta nel trattamento musicale affidato a un ensemble diretto e concertato da Riccardo Tesi, uno dei più brillanti e attenti protagonisti della musica popolare sulla scena attuale.
L'accompagnamento della sola chitarra è sostituito da un arrangiamento che instaura un dialogo più sofisticato fra suoni e significati, per una sinfonia popolare ricca. La centralità del canto viene comunque confermata dalla presenza di alcune delle voci più importanti della musica popolare e del canto sociale italiani degli ultimi trent'anni.

Locandina


Entrata

CHF 25.-
ridotto fr. 20.-.

Prevendita presso il Cinema Teatro (+41 91 695 09 16, cassa.teatro@chiasso.ch) e presso il CDE (+41 91 814 14 50, decs-cde@ti.ch).


Ginevra Di Marco - voce
Lucilla Galeazzi - voce
Elena Ledda - voce
Alessio Lega - voce e chitarra
Andrea Salvadori - chitarra
Gigi Biolcati - percussioni e voce
Riccardo Tesi -organetto e direzione musicale
Franco Fabbri - direzione artistica


Promotori

Centro di dialettologia e di etnografia - DECS
Viale Stefano Franscini
6500 Bellinzona
Tel. 091 814 14 50
decs-cde@ti.ch