Immagine

(Non) si può avere tutto

Pomeriggio letterario

Il mio nome è Gheula, che in ebraico signifia Libertà.

Nata a Milano nel 1972, dove vive con molti figli e marito. Laureata in economia e commercio presso l’Università Bocconi, torna poi a insegnarvi per sette anni. Ha pubblicato per Egea “Responsabilità sociale ed etica ebraica”. Scrive regolarmente per il settimanale “Pensieri di Torà “ e collabora occasionalmente con altre testate per le quali scrive su tematiche ebraiche femminili. Si occupa dello sviluppo delle attività del Milan Jewisch centre ,centro progettato da Daniel Liberkind.

Nella diversità siamo tutte uguali" questa la filosofia di Gheula, che precisa anche: 

La realtà di una famiglia ortodossa è incredibilmente simile a quella di qualsiasi altra famiglia. L’unica differenza, il rispetto della religione, che obbliga al cibo kascher e allo shabbat, il giorno di riposo ebraico, in cui cellulare e computer vengono spenti per venticinque ore.

Una breve introduzione del libro:

La protagonista Deb si sposa prima degli esami di maturità. E da quel momento inizia la sfida con un mondo che giudica le donne più in base al proprio stato di famiglia che in base alle loro capacità. E con se stessa. Peché ai sogni Deb non vuole rinunciare. Ogni pagina immerge il lettore in un mondo femminile così conosciuto eppure a tratti anche sconosciuto. Perché la protagonista, pur vivendo a Milano, è un’ebrea ortodossa osservante.

La mia libertà? La trovo nella famiglia e nelle tradizioni religiose.

Ogni uno di noi è prigioniero.

Ma tutti sediamo sulle chiavi della nostra libertà.

Al termine sarà offerto un aperitivo.    


Promotori

Associazione Amicizia Ebraico-Cristiana
via Landriani 10
6900 Lugano
Tel. +41 (0)79 685 80 22
aectic@gmail.com
Contatto: Giancarlo Coen