I

Biblioteca cantonale

La cultura (non) paga

È opinione assai diffusa che la cultura sia tutt'altro che una leva di crescita, ma piuttosto un fattore di risucchio di risorse, destinato a subire tagli in tempi di crisi.
Eppure la cultura contribuisce a creare l'identità, la responsabilità comune e la solidarietà in un mondo che evolve con grande velocità.
La cultura conserva la nostra memoria e mobilita le nostre passioni e i nostri sentimenti mettendoci in relazione con altre realtà e con dimensioni anche oniriche, ludiche e fantastiche.
Essa è qualcosa di complesso, variegato, che attiene principalmente all'apertura mentale e alla necessità di dare un senso alla vita.

Tre anni fa il prestigioso giornale italiano di impronta economica "Il Sole 24ORE" pubblicò il Manifesto della cultura nell'intento di promuovere un nuovo patto tra chi gestisce il bene pubblico e chi opera nel mondo della cultura, una nuova visione strategica e un nuovo rapporto tra imprese e pubblico nell'ambito della produzione, diffusione e ricezione della cultura.
In una recente intervista rilasciata al "Corriere del Ticino", il Consigliere federale Alain Berset afferma senza mezzi termini che "sarebbe sbagliato risparmiare qualche milione sulla cultura, quando occorre trovare risposte comuni a grandi sfide economico-finanziarie e socio-culturali".

E in Ticino, come siamo messi a questo riguardo? La cultura da noi è assai vivace sia per iniziative ed eventi, sia per la presenza di istituzioni molto dinamiche. In prospettiva ne verranno aperte di nuove, che inevitabilmente apporteranno nuova linfa.

La presenza al dibattito organizzato dalla Biblioteca cantonale dei principali responsabili del settore culturale dello Stato e delle Città, nonché di due personalità impegnate nel mondo della cultura, consentirà di approfondire alcuni interrogativi:

- quali sinergie sono ipotizzabili fra i vari istituti culturali presenti nel nostro territorio?
- quali forme di collaborazione sono possibili in Ticino fra il pubblico e il privato?
- Quale indotto si presume possa derivare dalla cultura?

Invito serata


Relatori: Manuele Bertoli, Roberto Malacrida, Giovanna Masoni, Alain Scherrer, Michele Arnaboldi, Rudy Chiappini. 

Moderatore da Gerardo Rigozzi


Promotori

Biblioteca Cantonale Lugano
Viale Carlo Cattaneo 6
6900 Lugano
Tel. +41 (0)91 815 46 11
www.sbt.ti.ch/bclu
bclu-segr.sbt@ti.ch