Immagine %281%29

Zimoun

Inaugurazione LAC

Un’installazione che riassume in sé le diverse anime del LAC

Fra i più interessanti artisti svizzeri emergenti, Zimoun ha concepito per il Museo d’arte al LAC un’opera cinetica e sonora composta da 171 parallelepipedi in cartone entro i quali tamburella una pallina di stoffa fissata a un’asta vibrante.

L’installazione è collocata nell’atrio del secondo piano del museo: un luogo di transito e dunque di congiunzione fra i diversi spazi che compongono l’edificio e le sue diverse destinazioni. Arte, architettura, design, musica: gli elementi che concorrono all’opera di Zimoun riassumono in sé le diverse anime del LAC, quella visiva, e quella musicale, quella architettonica e quella performativa.

Il visitatore che si avvia verso l’ingresso del museo al secondo piano è accolto da un fruscio dapprima confuso con quello della scala mobile, e progressivamente distinto da essa. Composta di elementi che assecondano e quasi si fondono con quelli dell’architettura, l’opera se ne differenzia con un effetto straniante. L’insieme degli elementi apparentemente ordinati è infatti sede di un brulicare che ricorda quello degli insetti in un ambiente che si presume asettico e di un ticchettio che rimanda alla pioggia in un luogo, il museo, per definizione impermeabile. Si genera dunque un cortocircuito fra atteso e inaspettato, fra elementi parallelepipedi e movimenti centrifughi, fra ordine e caos.

La mostra resterà aperta fino al 10 gennaio 2016

Livello 2


MASI Lugano

A cura di  Guido Comis


Promotori

LAC Lugano Arte e Cultura
6900 Lugano
Tel. +41 (0)58 866 72 14
www.luganolac.ch