I

Fotolia 43344790 s

Generazioni e salute: chi spende? Chi paga?

Giovani, generazione di mezzo e anziani dipendono gli uni dagli altri anche nell'ambito della salute, delle cure, dei loro costi e della loro copertura.
Ci si chiede se la longevità (si vive più a lungo) e l'invecchiamento demografico (più anziani, meno giovani e adulti in età attiva) possano creare problemi nell'assicurare a tutti le migliori prestazioni in caso di malattia, e la necessaria assistenza se l'età avanzata compromette l'autosufficienza nella vita quotidiana (assistenza e cura a domicilio o in Istituti specializzati). Tutti pagano i premi dell'assicurazione malattia e ricevono le prestazioni quando necessarie.

Tuttavia, sorgono oggi domande delicate: è giusto che giovani e anziani paghino premi uniformi? O dovrebbero essere differenziati? Quanto divergono i rischi di malattia e i relativi costi dei giovani e degli anziani? È opportuno separare il finanziamento delle spese di malattia e quello dell'assistenza di lunga durata? Avenir suisse, ad esempio, propone l'obbligo di un risparmio vincolato, a partire dai 55 anni, da utilizzare per pagare da sé i servizi di spitex e case per anziani. Per chi non lo spendesse, quel risparmio potrà essere ereditato. Le casse malati e gli enti pubblici sarebbero sgravati. Inoltre, sarebbero incentivati comportamenti adeguati per mantenersi in buona salute, un consumo misurato di cure in età avanzata, una migliore disponibilità dei parenti ad assistere i loro anziani anziché delegare tutto ai servizi.

Una proposta stimolante e "delicata", che merita una valutazione attenta dei suoi vantaggi e svantaggi, che affronteremo da un punto di vista "tecnico" (Domenighetti e Marazza) e politico (Carobbio e Cassis).


Relatori: Marina Carobbio, Ignazio Cassis, Gianfranco Domenighetti, Carlo Marazza

Immagine: www.generazioni-sinergie.ch


Promotori

Associazione Generazioni & Sinergie
via alle Caragne 4
6900 Lugano
www.generazioni-sinergie.ch