I

dom 20.09.15 - dom 25.10.15

Tutto il giorno
Image13.php

dom 20.09.15 - dom 25.10.15

Tutto il giorno

Sguardi di Kabul

Il Museo di Casa Pessina riapre alle mostre temporanee e lo fa dandosi una nuova identità, necessaria dopo l’aggregazione alla Città di Mendrisio, scaturita da una riflessione che ha tenuto conto della notevole offerta museale - sia a livello numerico sia, soprattutto, qualitativo - già presente sul territorio. E così, se fino al 2013 per dieci anni aveva ospitato rassegne di artisti della regione, ora Casa Pessina si propone quale spazio espositivo in cui presentare e far conoscere al pubblico giovani fotografi ticinesi.

Dopo una mirata ristrutturazione Casa Pessina è stata trasformata in casa della cultura e inaugurata nel 2003. Ospita un percorso espositivo dedicato al Pessina, oltre alla biblioteca, agli archivi dello scultore e alla ex scuola Macconi.

Le immagini esposte a Casa Pessina sono state realizzate tra il 2011 e il 2012, quando Albertalli si trovava in Afghanistan quale insegnante di fotografia alla Afghan Mini Mobile Circus for Children, una scuola circense e di attività multimediali con sede a Kabul. In quell’occasione, oltre a insegnare, Albertalli ebbe l’occasione di entrare in contatto con un gruppo di ragazze, riuscendo a ritrarle a volto scoperto e in taglio ravvicinato. A unire la sequenza dei loro sguardi sono intercalate immagini in bianco e nero di uomini armati di kalashnikov, donne dalla libertà negata, cinte murarie semidistrutte e vedute della capitale martoriata dalla guerra e segnata dalla povertà: emerge così una contrapposizione tra una società sconvolta dal conflitto, dominata da un rigido codice tradizionale e il bisogno di libertà che questi ritratti di ragazze esprimono.

Locandina


Informazioni extra

L'esposizione è visibile tutti i sabati e tutte le domeniche dalle ore 14:00 alle ore 18:00

La mostra, accompagnata da un catalogo con la riproduzione a colori di tutte le opere in mostra, è a cura di Barbara Paltenghi Malacrida (Museo d’arte Mendrisio), Francesca Luisoni e Rosangela Cuffaro.


Reto Albertalli
nato a Sorengo nel 1979, vive e lavora tra Ginevra e il Ticino. Ha ottenuto la maturità artistica presso il Centro scolastico per le industrie artistiche a Lugano (CSIA) e si è poi diplomato all’École de photographie di Vevey. Cofondatore e direttore dell’agenzia Phovea, negli ultimi anni si è dedicato con successo al documentario e alla ritrattistica lavorando nel corporate image (Rolex), per alcune fra le più importanti testate svizzere ed estere (NZZ, NYT, L’Hebdo), agenzie umanitarie (tra cui CICR e UNICEF) e clienti privati. È stato insignito di numerosi riconoscimenti, tra cui The Selection VFG (2002), il secondo premio nella categoria “Mondo” dello Swiss Press Photo (2010) e la nomina al World Press Joop Swart Masterclass (2004, 2005, 2007). All’attività di fotografo, affianca la collaborazione a diversi importanti progetti legati all’insegnamento in Palestina, Afghanistan e Brasile.

Immagine: Reto Albertalli - Gruppo di uomini, 2011-2012, Stampa digitale su alluminio, 70 x 90 cm


Promotori

Città di Mendrisio
Segreteria Via Municipio 13
6850 Mendrisio
www.mendrisio.ch
info@mendrisio.ch