gio 29.10.15

19:00
Cattura

gio 29.10.15

19:00

Neuma, mostra di Alessandro Sciaraffa

NEUMA è il segno. Il soffio ma anche il cenno, il fiato che accompagna la genesi di un’immagine sinestetica attraverso una melodia di luce e suono.

NEUMA è un nuovo progetto immersivo di Alessandro Sciaraffa che si avvale della partecipazione di Ivan Bert alla tromba e Turi Rapisarda alla stampa fotografica.

Il 21 maggio 2015 una stanza del Turba, trasformata in una camera oscura funzionante, ha accolto un set minimale per una suite musicale d’atmosfere sospese tra cimatica e fotografia.

12 pellicole fotografiche di grande formato sono esposte a testimoniare le tracce di luce e suono registrate in quell’occasione.

Onde, fremiti, vibrazioni, stati intermedi della materia: le opere di Alessandro Sciaraffa sono punti di contatto tra i fenomeni fisici da cui sono generate e le trasformazioni che esse stesse inducono all’interno degli spazi che le accolgono.

In presenza dei suoi lavori il silenzio si riempie di suoni perentori o sommessi, frammentari o continui, intelligibili ma più spesso inauditi e materializza la possibilità di una scultura illimitata e incorporea, che avvolge e penetra chi percorre quel vuoto.

La configurazione fisica e visiva delle sue opere è sempre transitoria, e si sottrae a ogni tentativo di definizione stabile della forma in cui esse sono provvisoriamente calate. L’identità dei lavori non viene esposta, ma piuttosto dissimulata dietro le apparenze esterne: le lastre di ottone, le superfici di cristalli liquidi, le carte fotosensibili sono semplici supporti o casse di risonanza di epifanie cromatiche o di accadimenti sonori, a loro volta significativi solo in quanto rivelatori delle perturbazioni che attraversano lo spazio.

I dispositivi di Sciaraffa sono dunque dei recettori, concepiti per raccogliere e amplificare frequenze sonore, onde elettromagnetiche, percorsi di luce. Lo stato di continua trasformazione che li caratterizza non può essere ricondotto ai protocolli consolidati dell’arte processuale; non si tratta infatti di mutamenti progressivi e lineari, ma di cambiamenti di stato inattesi e repentini, in molti casi innescati o accelerati dall’intervento performativo dell’autore e, talvolta, del pubblico.


Entrata

L'ingresso al Turba è riservato ai soci annuali e ai soci giornalieri (tessera giornaliera a 5 CHF).


Promotori

Turba - Circolo per l'emancipazione culturale
6900 Lugano
Tel. +41 (0)79 684 49 52
www.turba.xyz
info@turba.xyz