Immagine

La solitudine dell’ape

Spettacolo di narrazione e canzoni con Andrea Perdicca e Yo Yo Mundi

In concomitanza con la mostra temporanea Una apis, nulla apis-cenni di apicoltura in corso al Museo della civiltà contadina del Mendrisiotto, il 27 febbraio alle 20:30, il Dicastero Culturale di Stabio presenta La solitudine dell'ape: spettacolo di narrazione e canzoni con Andrea Pierdicca e Yo Yo Mundi, regia di Antonio Tancredi.

Una narrazione da vedere e da ascoltare, in quella forma che accomuna chi racconta con parole e con musica. Una narrazione per non lasciare sola l’ape e gli apicoltori nella lotta contro quel nemico moderno, intelligente, ma molto letale, che l’uomo ha contribuito, direttamente o indirettamente, a creare. Una narrazione per scoprire un piccolo mondo che vive accanto all’essere umano e che regala a chi lo sa osservare preziosi consigli, per il presente e per l’avvenire.

La solitudine dellʼape è un racconto-canzone che unisce i destini dell'uomo a quelli dell'ape e degli altri esseri viventi del pianeta.
La moria delle api non è un problema solo degli apicoltori e dei consumatori di miele. La loro scomparsa ci avvisa che la vita su questo pianeta è in pericolo. Vita che dipende soprattutto da quel proletariato invisibile fatto da piante, insetti, vermi, funghi, muffe, microrganismi e api. 
È ormai accertato che la causa principale della morte delle api è l'uso di pesticidi sempre più potenti e invasivi che distruggono il sistema nervoso degli insetti e persistono nei terreni senza degradarsi. Tutto questo è parte di un intreccio tra monocolture e allevamenti industriali, che ha modificato il modo di coltivare negli ultimi trentʼanni e che si lega alle nostre scelte alimentari. Lʼuomo sceglie come coltivare, cosa acquistare e di cosa nutrirsi e le sue scelte hanno la capacità di determinare il futuro delle generazioni a venire e della vita di questo pianeta.
Lo spettacolo intreccia musiche e parole, slanci lirici e momenti ironici, poesia e gioco, forza e leggerezza. Una narrazione per non lasciare sola l’ape e per riprendere il proprio posto nel canto della vita.


Entrata

Prezzi:
biglietto intero 12.- CHF
biglietto ridotto 6.- CHF

Per informazioni e riservazioni:
+41 (0) 91 641 69 60 - cultura@stabio.ch

 


regia: Antonio Tancredi
voce e chitarra: Paolo E. Archetti Maestri
fisarmonica, glockenspiel, melodica: Fabio Martino
basso elettrico, contrabbasso, clarinetto e voce: Andrea Cavalieri
batteria e percussioni: Eugenio Merico
spettacolo di Paolo E. Archetti Maestri, scritto da Alessandro Hellmann, Andrea Pierdicca e Antonio Tancredi.



Promotori

Dicastero Cultura di Stabio
via Ufentina 25
6855 Stabio