Figli hijos

Figli/Hijos

Serata sui diritti umani in America Latina​ con proiezione del film “Figli”

"Prima elimineremo i sovversivi, poi i loro collaboratori, poi i loro simpatizzanti, successivamente quelli che resteranno indifferenti e infine gli indecisi"...

Con queste parole le forze armate argentine cominciarono il cosiddetto “Processo di riorganizzazione nazionale” portato avanti tra il 24 marzo 1976 e il 1983. Il colpo di stato argentino lascia una cifra di 30'000 persone scomparse forzatamente e più di 500 figli dei sequestrati, affidati illegalmente in adozione a militari stessi o a simpatizzanti della dittatura. Le madri di questi bambini sono rimaste in vita durante la prigionia, fino al momento del parto, e poi sono state uccise dopo la nascita dei loro figli.
“Figli” si mette nei panni di questi bambini... oggi adulti. Fino a dicembre 2015 soltanto 119 sono stati individuati.

Regia di Marco Bechis

Italia, Argentina | 2001 | 92'

Interpreti: 
Carlos Echevarría, Julia Sarano, Stefania Sandrelli, Enrique Piñeyro, Antonella Costa ...

v. in italiano

"Nel film parlo del sequestro e del traffico dei bambini nati dai desaparecidos, reso pubblico da Las abuelas de la Plaza de Mayo (Le nonne della Piazza di Maggio) che hanno una loro banca genetica. Bisogna cercare la verità, ognuno ha il diritto di sapere chi è. Il pensiero conformista di destra dice: «Non bisogna cercare questi giovani, vanno lasciati in pace, non dobbiamo turbare la loro tranquillità familiare». Io credo che anche dopo vent'anni bisogna cercare la verità, smascherare i responsabili del sequestro dei bambini, che spesso sono anche i responsabili della scomparsa dei veri genitori". Marco Bechis in "Filmcritica", rivista, n. 25, gennaio 2002

L'esperienza civico-militare non è stato l'unico caso in America Latina dove si sono commesse in passato violazioni ai diritti umani e crimini di lesa umanità (Cile, Brasile, Uruguay, ecc.) e purtroppo ancora oggi si continua a far scomparire le persone coinvolte nella lotta sociale. In Messico per esempio, si sono contate, secondo dati diffusi dal Ministero degli Interni (2015) più di 27'000 persone scomparse. In molti casi si tratta di sparizioni forzate, dato l'intervento, diretto o indiretto, per azione o per omissione, di funzionari pubblici. L'impunità di questi casi rimane quasi assoluta.

Il regista Marco Bechis, sceneggiatore e produttore di film conosciuti a livello internazionale. Nato a Santiago del Cile, da madre cilena di origine svizzera e padre italiano. Il 19 aprile 1977, a vent'anni, viene sequestrato e detenuto in un carcere clandestino chiamato Club Atletico. Espulso dall'Argentina per motivi politici, approda a Milano nello stesso anno. Ha trascorso lunghi periodi a New York, Los Angeles e Parigi. Diversi i suoi interessi prima del cinema: maestro elementare a Buenos Aires (1975-77), fotografo Polaroid e video-artista a New York (1978-80). Nel 1981 frequenta la scuola di cinema Albedo di Milano. Nell'82, realizza a Milano "Desaparecidos, dove sono?", video-installazione  su un campo di concentramento argentino, da cui, diversi anni dopo, trae il film Garage Olimpo. I suoi film hanno vinto 22 premi internazionali.

A seguire cena latino-americana


Entrata

Entrata + cena: Fr. 22
Nel prezzo della cena è compreso il dessert o un caffè (bibite escluse)
Solo proiezione film: Fr. 12


Informazioni extra

Per aperitivo/cena si gradisce la prenotazione in anticipo via caminocultural@hotmail.com o Facebook: enelcaminocultural

www.caminocultural.com


Promotori

Associazione Camino Cultural
via Serta 20
6934 Bioggio
caminocultural@hotmail.com