I

7544650166 93b5451e2e z

Senilità

Presentazione dell'edizione critica e commentata a cura di Flavio Catenazzi

Senilità di Italo Svevo è il romanzo di una relazione d’amore senza vitalità né futuro, in una Trieste fin de siècle, tra Emilio Brentani, un impiegato trentacinquenne con velleità letterarie, e Angiolina, una giovane sartina, figura ora angelica ora sensuale e corrotta. Apprezzato da alcuni scrittori dell’epoca, quali James Joyce e Eugenio Montale, per la novità dell’impianto narrativo e della tematica, quello dell’eros e della sua forza dirompente, esso ci porta diritti allo stacco di alcuni episodi, come l’agonia di Amalia, la sorella isterica di Emilio, che muore consumata dall’alcool dopo aver coltivato nelle pieghe dei suoi sogni notturni un impossibile desiderio d’amore.

Un romanzo che ha dato all’autore fama di analista e scrutatore di anime e che ha restituito alla grande letteratura la dimensione della malattia nelle sue manifestazioni fisiche e psichiche, osservate attraverso il sapere e l’immaginario elaborati dalla psicologia sperimentale prefreudiana. L’edizione curata da Flavio Catenazzi ripristina il testo della prima edizione triestina apparsa nel 1898, documento euforico, quasi irripetibile, di una eccezionale attività creativa. Senilità è corredato di un commento innovativo che ricostruisce in molte direzioni la cultura mitteleuropea di Svevo, evidenziando la tecnica e lo stile dello scrittore con un’indagine sul processo correttorio che si concluderà nel 1927 con la nuova edizione del romanzo.

Invito


Flavio Catenazzi
Già docente di italiano presso il liceo di Locarno, ha tenuto corsi di filologia romanza presso l’Università di Brescia. Si è occupato di poesia lirica antica (Poeti fiorentini del Duecento, 1977), di cultura e testi del Settecento (con Aurelio Sargenti ha edito il Carteggio 1724-1764 tra Giampietro Riva e Giampietro Zanotti, 2012), di narrativa italiana del Novecento (di V. Brocchi ha edito Le aquile, 1998) e di diversi scrittori svizzeri (F. Filippini, M. Chappaz e C. Bille). Si è interessato anche alla lingua di Svevo, sia del giornalista all’«Indipendente» (1984) che del romanziere (L’italiano di Svevo: tra scrittura pubblica e scrittura privata, 1994).

Interverranno:

Luca Serianni
Professore ordinario di storia della lingua italiana all'Università "La Sapienza" di Roma.

Giovanni Palmieri
Filologo e ricercatore presso l'Istituto Nazionale per la Storia del Movimento di Liberazione in Italia.

Luca Danzi
Professore associato di letteratura italiana all'Università degli Studi di Milano.

Immagine: flickr.com - helga tawil souri


Promotori

Biblioteca Cantonale Lugano
Viale Carlo Cattaneo 6
6900 Lugano
Tel. +41 (0)91 815 46 11
www.sbt.ti.ch/bclu
bclu-segr.sbt@ti.ch