ven 15.04.16 - sab 14.05.16

Tutto il giorno
12670366 992829640754020 5574395772649032059 n

ven 15.04.16 - sab 14.05.16

Tutto il giorno

colony collapse disorder

curatela Laura Giudici & Isaline Vuille

Fenomeno emblematico delle crisi ecologiche, il colony collapse disorder (o sindrome dello spopolamento degli alveari) è multifattoriale e in parte ancora misterioso. Se esso polarizza l’insieme del progetto, gli artisti esplorano in maniera diretta o allusiva delle problematiche connesse – tensioni evocate dall’idea di collapse, messa in pericolo di risorse e specie -, e presentano un universo in cui l’organico e l’artificiale sono sempre più vicini, fino a diventare indissociabili.

Concepite per l'esposizione le opere di Vanessa Billy si concentrano sull'idea di energia e di obsolescenza: dei cavi elettrici o un motore d'automobile di recupero sono presentati insieme a dei calchi in resina artificiale o lattice di limoni spremuti. Attirando l'attenzione sui fragili legami che uniscono l'uomo all'ambiente e alle risorse naturali, Samoa Rémy sviluppa una ricerca iconografica sull'uso dei pesticidi, e realizza un'installazione che mette in scena due pale che si affrontano.
Mirko Baselgia propone infine una scultura-alveare accanto a George, fotografia di un uccello imbalsamato di una specie oggi estinta.

Sabato 30 aprile, si terrà una tavola rotonda, moderata dalla curatrice Laura Giudici, traendo spunto dalle tematiche evocate dalla mostra e dalle opere esposte, la tavola rotonda desidera creare un ponte tra vari campi del sapere e per offrire un'occasione d'incontro tra professionisti d'orizzonti diversi e con il pubblico. L'obiettivo è di attivare un dialogo interdisciplinare sul colony collapse disorder e, più in generale, sulle problematiche ambientali e le relazioni tra le arti e le scienze. Ruotando attorno alla questione centrale della relazione complessa e dell'equilibrio sempre più fragile tra uomo, natura e territorio, la discussione vedrà interagire l'artista Samoa Rémy, Lisa Bosia e Fabio Guarneri - entrambi impegnati in progetti di sensibilizzazione ecologica e sociale - sulle strategie di trasmissione del sapere o di un determinato messaggio, così come sull'importanza del ruolo dello spettatore e del singolo cittadino.



Informazioni extra

Orari d'apertura :
gio e ven dalle ore 18.00 alle ore 20.00
sab dalle ore 14.00 alle ore 17.00

Con il sostegno di ProHelvetia, Città di Lugano, Ernst Göhner Stiftung, Stiftung Erna und Curt Burgauer, Stiftung Corymbo, Garage Künzi


Promotori

Sonnenstube
via Canonica 12
6900 Lugano
www.diesonnenstube.ch
hello@diesonnenstube.ch