Francesco rubat borel la creazione del mondo levoluzione delluomo markus zohner arts company.jpg

La Creazione del Mondo - L’evoluzione dell’uomo. Dai primi passi sulla Terra alla conquista dello spazio.

Wor(l)ds Festival - LongLake

Quali sono le prime tracce dell’uomo nelle Alpi occidentali? Quando è arrivato nel territorio insubre? Quali erano le prime popolazioni che si sono insediate in Ticino? Da dove sono arrivate? Un’esplorazione con uno dei più grandi specialisti di archeologia delle Alpi occidentali, dalle prime tracce dell’Uomo nell’Insubria, fino all’attraversata del Ticino da parte degli Argonauti alla ricerca del vello d’oro.

“Di là gli Argonauti entrarono nel profondo corso del Rodano che si getta nel- l’Eridano ... Questo fiume nasce agli estremi confini del mondo, dove sono le porte e le sedi della Notte, e di là si riversa da un lato alle coste dell’Oceano [il Reno], da un altro nel mare Ionio [il Po], da un altro ancora nel mare Sardo [il Rodano] ... avanzarono nei laghi tempestosi, che si stendono all’infinito per le terre dei Celti [i laghi lombardi e svizzeri] ... uno dei bracci portava in un golfo d’Oceano, e senza saperlo stavano per entrarvi ... Ma Era, scesa dal cielo, gridò dalla rupe Ercinia [le cascate di Sciaffusa?] ... Per ordine della dea tornarono indietro ... Dopo un lungo cammino giunsero alla rive del mare, passando incolumi per volere di Era in mezzo ai mille popoli dei Celti e dei Liguri…”

Le Argonautiche di Apollonio Rodio (inizio III sec. a.C.)

(Apollonio Rodio, IV.627-647 passim, trad. G. Paduano, Milano 1986).

Dr. Francesco Rubat Borel

Nato nel 1976, archeologo pre-protostorico, piemontese, è direttore del Museo Nazionale Preistorico Etnografico “Luigi Pigorini” di Roma da novembre 2015. Si è laureato presso l’Università di Torino nel 2001, si è specializzato presso l’Università di Milano nel 2005 e ha conseguito il dottorato di ricerca presso l’Università di Padova nel 2009. Destinatario di due assegni di ricerca Progetto Alfieri della Fondazione CRT-Cassa di Risparmio di Torino sulla protostoria piemontese.

Dal 2010 lavora nel Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, dove è stato archeologo presso la Soprintendenza Archeologia del Piemonte. È membro del consiglio direttivo dell’Istituto Italiano di Preistoria e Protostoria e del comitato italiano di gestione dei sito Patrimonio Unesco “Siti palafitticoli preistorici dell’arco alpino”. È membro del comitato scientifico della Riunione Scientifica Preistoria e Protostoria in Lombardia e Canton Ticino, che si terrà a ottobre 2017. A partire dal 2003 ha curato l’allestimento della sezione preistorica di otto musei (tra i quali Ivrea) e mostre in Piemonte, con particolare riguardo ai rapporti tra archeologia e territorio, e ha redatto lo studio di fattibilità per un parco e museo del sito palafitticolo di Viverone (iscritto nel Patrimonio UNESCO).

Attivo nella didattica e divulgazione della preistoria con lezioni e conferenze. Ha partecipato a campagne di ricerca in contesti pre-prostorici dell’Italia centrosettentrionale. È autore di un centinaio di articoli e contributi scientifici. I principali campi di ricerca sono la protostoria europea (con particolare riguardo per i rapporti culturali tra Italia ed Europa centroccidentale), l’archeologia in ambiente montano, l’epigrafia preromana.

Mille domande a grandi scienziati che sono alla ricerca delle origini del tutto.

Sognare di raccontare la storia più grandiosa. Immergersi in mari di domande, le cui risposte generano altri mari. Cercare di capire, di vedere, di afferrare, di intuire. Il desiderio di captare delle idee, di intravedere delle risposte, di scoprire delle tracce.

La speranza di illuminare, con queste nostre minuscole torce di pensiero e fantasia, l’infinità di quello che c’è stato, dei fenomeni che hanno fatto nascere il mondo, i continui sviluppi che ci hanno portato ad oggi, al qui e ora, a questo punto d’incrocio fra passato e futuro. A questo meraviglioso momento che ci permette di pensare, di discutere, di riflettere.

Non ci sono spiegazioni facili. Non c’è soluzione. C’è una marea di pensieri da essere pensati, c’è una storia grandiosa da essere scoperta: LA CREAZIONE DEL MONDO.

Dopo il racconto della storia Dal Big Bang al Pensiero Umano della scorsa estate, anche quest’anno la Markus Zohner Arts Company prosegue il suo progetto teatrale e culturale pluriennale in un nuovo ciclo di sette incontri LA CREAZIONE DEL MONDO – L’EVOLUZIONE DELL’UOMO. Insieme a grandi scienziati del mondo dell’antropologia, della biologia, dell’archeologia, Markus Zohner vuole cercare di raccontare, allo stato attuale delle scoperte scientifiche, la nascita dell’Uomo, i suoi sviluppi, la sua natura, la sua propagazione sulla Terra e le sue grandi conquiste: l’evoluzione dagli organismi più semplici verso le diverse specie di ominidi e le successive ramificazioni. Quando è arrivato all’Uomo questo momento dell’auto-coscienza: “io esisto”? L’uomo di natura è un essere migratorio? Che ruolo giocavano nei suoi sviluppi fenomeni come l’aggressività, la paura, l’intelligenza, i comportamenti sociali, la spiritualità e, alla fine, l’amore? Che sviluppi si sono susseguiti nel cervello per portare l’uomo da una vita sugli alberi alla costruzione di razzi per la conquista dello spazio? Chi siamo, dunque?

Attraverso questi incontri, si vuole raccontare la storia di un percorso lungo 3 milioni di anni che ci ha portati a quello che siamo oggi. Scoprire periodi in cui diversi ominidi coesistevano sulla Terra, periodi di migrazioni, di guerre, di sviluppo culturale. Da dove veniamo veramente? Quali sono le ragioni e gli scopi della nostra esistenza su questo pianeta? Perché l’uomo ha ancora la necessità di migrare? Mille domande per indagare sulla nostra storia, sulla nostra provenienza, sulla nostra esistenza.

I sette incontri di Markus Zohner verranno registrati radiofonicamente e saranno disponibili sull’App RADIO PETRUSKA da gennaio 2017.

Prima e durante l’incontro, con l’hashtag #ChiediPetruska il pubblico può mandare delle domande via Twitter, interagendo così con gli interlocutori.


Entrata

Ticket: CHF 5.- (gratuito con cards)
Posti limitati, prenotazioni raccomandate per tutti i sette eventi: info@longlake.ch


Con il dr. Francesco Rubat Borel, archeologo pre-protostorico e direttore del museo nazionale preistorico etnografico “luigi pigorini” di Roma e Markus Zohner


Promotori

Dicastero Cultura, Sport ed Eventi - Divisione Eventi e Congressi
via Trevano 55
6900 Lugano
Tel. +41 (0)58 866 48 00
eventi@lugano.ch