I

dom 27.11.16 - dom 05.03.17

Tutto il giorno
Invito cs

dom 27.11.16 - dom 05.03.17

Tutto il giorno

La bambinaia di Rita Hayworth

L'esposizione presenta il recente progetto di Katja Snozzi - fotografa nota soprattutto per i suoi reportage di guerra e di taglio etnografico - dedicato a donne e uomini ultracentenari residenti nelle varie regioni linguistiche della Svizzera, che l'artista ha visitato e ripreso nelle loro dimore o in case di cura. I volti e le mani dei protagonisti, resi con accurati giochi di luce che ne esaltano l'espressività e la vitalità, ci immergono in una realtà viva, emotivamente carica di senso, evocativa  di un passato che si palesa ancora in tarda età, nell'intimo dialogo con la fotografia e la sua macchina da presa.

Nuovamente il Museo Vincenzo Vela si china, attraverso una mostra d'arte contemporanea, su un tema di attualità sociale e politica, nello specifico l'invecchiamento della popolazione, oggi inteso per lo più come dato esclusivamente negativo, di presa a carico di un segmento di cittadini ritenuto improduttivo. Ad esso si contrappongono in mostra storie e atteggiamenti di vita sorprendente lucidi, poetici e talvolta tragici, che sollevano quesiti sulla nostra esistenza. La componente scultorea delle immagini suggerisce un confronto diretto con ritratti dello scultore Vincenzo Vela, anch'essi presenti in mostra.

Invito


Informazioni extra

Orari

Lu: Chiuso
Ma-Sa: 10.00-17.00
Do: 10.00-18.00

Maggiori Informazioni


Nata a Locarno nel 1947, Katja Snozzi trascorre l'infanzia e l'adolescenza tra il Kenya, la Svizzera tedesca e il Ticino. Dopo il diploma in fotografia alla Kunstgewerbeschule di Zurigo (oggi Zürcher Hochschule der Künste), nel 1970 si trasferisce a Berna, dove risiederà fino al 2000. Nel 1974 inizia l'attività di fotografa freelance, realizzando vari reportage in zone di crisi o di conflitto e in regioni devastate da catastrofi naturali. Tra i suoi lavori, servizi sulla guerra civile in Libano, l'invasione statunitense dell'isola di Grenada, la carestia in Somalia, il genocidio in Ruanda, il conflitto in Bosnia, le aree terremotate dell'Irpinia e dell'Honduras. Prima fotografa donna accreditata a Palazzo federale, dal 1996 opera anche nel settore multimediale come libera professionista. Esegue numerosi ritratti di personalità politiche, del mondo religioso e della cultura, tra cui Fidel Castro, il Dalai Lama e Max Frisch. Negli Anni Novanta svolge diversi mandati in tutto il mondo per conto di organizzazioni umanitarie quali il Comitato Internazionale della Croce Rossa, la Croce Rossa Svizzera e la Fondazione SOS Villaggi dei Bambini. Dal 2011 concentra la sua attenzione su realtà locali e nazionali: realizza in particolare cicli fotografici dedicati ai cittadini del neonato Comune di Terre di Pedemonte e alle persone centenarie che vivono in Svizzera. Vive e lavora a Verscio.

 


Promotori

Museo Vincenzo Vela
Largo Vela
6853 Ligornetto
Tel. +41 (0)58 481 30 44
www.museo-vela.ch