I

sab 03.06.17

19:00 - 19:45
Poestate location patio municipio lugano

sab 03.06.17

19:00 - 19:45

Presentazione dell’antologia. Perché tu mi dici: poeta?

Festival Poestate 2017

La magia e la grandezza del Festival Poestate è nella sua straordinaria composizione di ospiti e proposte.

Ospiti di fama internazionale insieme ad autori emergenti, letture e conferenze classiche insieme a performance sperimentali e d'avanguardia nelle varie espressioni artistiche, ma anche eccellenti collaborazioni istituzionali pubbliche e private per una progettualità culturale globale forte e intensa. 

Con un introduzione di Daniele Bernardi, con le letture dal suo testo Gabbie per belve, e di Martina Parenti, verrà presentata l’antologia Perché tu mi dici: poeta? (di A. Porta e C. Pistillo), con Carmelo Pistillo, Fabio Jermini. Musiche dal vivo di Igor Vazzaz.

Locandina Poestate 2017


Informazioni extra

Buvette
dalle 18.00 in avanti

Tavoli libri 
Libreria Dietro l’Angolo, Lugano
Edizioni Fontana

Installazione video scenografica
Apollinaire tra arte e parola


Poestate, il  primo e più importante festival internazionale di letteratura del Cantone Ticino, fondato a Lugano nel 1997 da Armida Demarta, è un progetto culturale indipendente, multipolare e multidisciplinare.

Daniele Bernardi è nato nel 1981. Ha pubblicato due plaquette di poesia con le case editrici Alla chiara fonte e LietoColle

Martina Laura Parenti, classe 1985, laureata a pieni voti in Cinema e Teatro presso la facoltà di Lettere dell’Università di Pisa, lavora presso il Teatro Sala Fontana di Milano

Carmelo Pistillo, considerato dalla critica come un autore di primo piano della poesia italiana, vive e lavora a Milano.

Fabio Jermini, Lugano 1988, è assistente di letteratura italiana del Medioevo e del Rinascimento all’Università di Ginevra.

Igor Vazzaz, Classe 1974, toscofriulano, cantante, cantautore, traduttore, variamente alle prese con molti strumenti.


Promotori

Poestate
Casella postale 4510
6900 Lugano
www.poestate.ch
info@poestate.ch
Contatto: Armida Demarta